Cura del Bonsai di Acero tridente

Cura Impostazione Vantaggi

Cura dei Bonsai di Acero tridente

Curare il bonsai di acero tridente (Acer buergerianum) è facile. Sono caratterizzati da una vigorosa crescita delle radici, non sono complicati da rinvasare bonsai e sono molto facili da potare. I bonsai di acero tridente non hanno bisogno di molta acqua. Anche lo svernamento è semplice. Tutto sommato, si tratta di un buon bonsai per principianti.

Brevi note sulla Cura dei bonsai di Acero tridente:

  • Concimazione: Concimare abbondantemente con i classici fertilizzanti per bonsai nel periodo vegetativo, da marzo a settembre
  • Irrigazione: Mantenere sempre umido in piena estate e posizionarlo in una zona parzialmente ombreggiata. Tuttavia, il fabbisogno idrico è inferiore, ad esempio, a quello dell'bonsai di acero giapponese
  • Svernamento: Tollera senza problemi le temperature più basse nella serra fredda con tasso di umidità dell'aria elevato
  • Rinvaso: All'inizio di marzo, rinvasare in un substrato per bonsai ben drenante con una potatura drastica delle radici


Concimazione | Annaffiatura | Esposizione | Svernamento | Rinvaso | Malattie, Parassiti | Riproduzione


Bonsai di Acero tridente (Acer buergerianum) in Giappone
⧉ Bonsai di Acero tridente in Giappone

Concimazione

La concimazione inizia in primavera con il germogliare delle prime foglie e termina intorno a settembre. La concimazione viene effettuata ogni due settimane con un fertilizzante liquido per bonsaii (secondo le istruzioni sulla confezione) o ogni 4-6 settimane con concime organico solido (ad esempio Biogold o Hanagokoro).

Nella scuola bonsai concimiamo tutti gli alberi bonsai di acero tridente con fertilizzante minerale (viene somministrato tramite un dosatore automatico di fertilizzante miscelato all'acqua di irrigazione).

Ai principianti, però, consigliamo di usare un fertilizzante organico per bonsai. Nel caso dei fertilizzanti minerali, è facile sbagliare il dosaggio e quindi c'è il rischio di un'eccessiva fertilizzazione.

I concimi organici hanno il grande vantaggio di essere rilasciati lentamente e forniscono nutrienti al bonsai in maniera costante ed equilibrata. Nel caso in cui se ne somministri più del necessario, al bonsai non succederà nulla di grave tranne una crescita troppo rapida e troppo prolungata. Inoltre, esso contiene tutte le sostanze nutrienti di cui l'albero bonsai ha bisogno.

Annaffiatura

A causa delle radici forti e del numero generalmente elevato di foglie, in piena estate l'acero tridente ha bisogno di molta acqua e dovrebbe anche essere controllato regolarmente per il fabbisogno idrico in inverno. L'acero tridente tollera leggermente di più la siccità occasionale rispetto, ad esempio, all'acero giapponese e le punte delle foglie non si seccano così rapidamente.

Durante il rinvaso si raccomanda di utilizzare un substrato ben drenante (come Akadama) in modo che non ci sia ristagno.

Esposizione

In quanto bonsai da esterno, l'acero tridente ama un posto soleggiato. Solo in piena estate potrebbe aver bisogno di una piccola protezione dalla luce solare più calda intorno a mezzogiorno, poiché i vasi per bonsai al sole possono diventare molto caldi.

Svernamento

L'acero tridente può essere svernato bene nella serra non riscaldata. Talvolta, ci segnalano problemi di svernamento, che non possiamo confermare. Esso tollera senza problemi, anche per 1-2 settimane, temperature pari a -10°C. In nessun caso un bonsai di acero tridente deve essere svernato in un posto troppo caldo, soprattutto non in casa come bonsai da interno.

Rinvaso

Bonsai di Acero tridente (Acer buergerianum) in Giappone
⧉ Bonsai di Acero tridente in Giappone

Per il rinvaso può essere utilizzato qualsiasi terreno per bonsai ben drenante. Il terreno per bonsai giapponese Akadama si è dimostrato adatto a questo scopo. L'aggiunta di Kiryu o di substrati per bonsai come lo scisto espanso è utile per aumentare ulteriormente la permeabilità del terreno bonsai.

Poiché il tridente, come tutte le bonsai di acero, ha una crescita delle radici vigorosa, deve essere rinvasato un po' più spesso. Di solito il vaso è pieno di radici dopo 2-3 anni. Il momento migliore per rinvasare è l'inizio di marzo (quando i germogli si gonfiano). In questo caso dovrebbe essere eseguita una forte potatura delle radici. Spesso il 30-50% delle radici viene rimosso.

La micorriza per bonsai non ha bisogno di essere aggiunta al terriccio. I bonsai di acero tridente crescono molto bene anche senza micorriza.

Malattie, Parassiti

Con un'adeguata cura, un acero tridente è poco attaccato dai parassiti. Raramente, può verificarsi un'infestazione da funghi, che può essere trattata con i soliti mezzi contro i funghi della ruggine.

Riproduzione

L'Acer buergerianum può essere riprodotto tramite semi e talee. Sfortunatamente, raramente si trova in commercio come pianta giovane.

Formazione di Bonsai Acero tridente

I bonsai di acero tridente non sono così popolari come l'acero giapponese (Acer palmatum) ma sono eccellenti per l'impostazione di un bonsai.

Bonsai di Acero tridente (Acer buergerianum) in Giappone
⧉ Bonsai di Acero tridente in Giappone

Quali sono i vantaggi di un bonsai di acero tridente ?

  • Un bonsai di acero tridente forma rapidamente molte radici e non pone problemi durante il rinvaso, anche in caso di potatura drastica delle radici
  • Le piccole foglie di acero tridente sono perfette per l'impostazione di un bonsai
  • Questo tipo di bonsai è molto vigoroso e come bonsai forma rapidamente un grosso tronco
  • Una buona ramificazione può essere raggiunta rapidamente pinzando l'acero tridente. Anche una defoliazione è ben tollerata
  • Come albero di facile manutenzione, un acero tridente è un buon bonsai per principianti

Brevi note sulla Impostazione dei bonsai di Acero tridente:

  • Filatura: Applicare filo per bonsai con attenzione. La corteccia sottile si segna rapidamente. Piegare lentamente e con cautela. I rami degli alberi sono duri e abbastanza fragili.
  • Potatura: Non potare rami più grandi troppo tardi in primavera, altrimenti l'acero tridente "sanguina" per lungo tempo. Al fine di ottenere una ramificazione fine, la pinzatura dovrebbe essere eseguita regolarmente.


Filatura | Potatura | Stili | Vasi abbinate | Fiori, Frutti | Corteccia, Radici | Varietà | Informazioni generali


Filatura, Applicazione del filo

Il filo per bonsai deve essere controllato regolarmente dopo essere stato applicato. Quando il tridente può crescere liberamente, il filo preme rapidamente sulla corteccia liscia. I segni di pressione che ne risultano impiegano molto tempo a scomparire.

L'applicazione del filo avviene all'inizio della primavera quando le foglie non sono ancora d'intralcio ma i rami sono già diventati flessibili, o alla fine di maggio-inizio giugno, dopo una defoliazione. Anche qui la mancata presenza delle foglie favorisce l'applicazione dello stesso.

Di solito sono sufficienti 4-6 mesi fino a che i germogli su cui è stato applicato il filo mantengano la posizione e affinché il filo possa essere rimosso. Il modo migliore per rimuovere il filo ai bonsai di acero è usare le pinze filo, con le quali è possibile tagliare il filo sul bonsai in piccoli pezzi e rimuoverli delicatamente.

Potatura

Con alberi giovani si desidera ottenere un tronco più spesso, rami più forti e una ramificazione più fine. Per fare questo, i nuovi germogli vengono generalmente fatti crescere fino a 8-10 coppie di foglie (a volte considerevolmente più lunghe) e quindi ridotte a 1-2 coppie di foglie. Le foglie troppo grandi possono anche essere tagliate. Si tagliano solo le aree fogliari, gli steli si lasciano sull'albero e cadono da soli dopo un po' di tempo. Per una ramificazione più fine si pinzano le punte dei germogli.

Con alberi sani, è possibile eseguire anche un taglio totale delle foglie ogni due anni. Ciò si traduce in foglie più piccole e un colore autunnale più intenso. Una defoliazione non dovrebbe essere eseguita troppo spesso e solo su alberi sani perché l'albero è sottoposto a stress.

Per formare una buona attaccatura delle radici alla base del tronco, le radici fuori dalla terra possono crescere liberamente. Se lo si desidera, potranno rapidamente svilupparsi insieme all'apparato radicale.

Un bonsai viene potato in base agli obiettivi dell'impostazione. Ciò vuol dire che se un ramo deve ispessirsi, l'estremità dovrà crescere liberamente e non dovrà essere potata per tutto l'anno. Se si desidera una migliore ramificazione fine, è possibile tagliare o pinzare 2-3 volte l'anno l'acero tridente in buona salute.

Stile

L'acero tridente può essere progettato in quasi tutti gli stili bonsai. Solo lo stile a scopa rovesciata non è adatto. Grazie alla forte crescita delle radici, è particolarmente adatto per lo stile "bonsai su roccia". In stile eretto informale (Moyogi), un bonsai di acero tridente è, di solito, molto d'impatto.

Vasi per bonsai adatti

I vasi per bonsai smaltati sono maggiormente adatti ai bonsai di acero tridente. Poiché il tridente è classificabile tra i bonsai resistenti al gelo, se possibile, è consigliabile selezionare un vaso per bonsai fatto a mano resistente al gelo. Anche i vasi per bonsai economici (realizzati per bonsai da interno) sono resistenti al gelo quasi al 100%. Tuttavia, non garantiamo la resistenza al gelo per questo tipo di vasi.

I vasi per bonsai non smaltati sono meno adatti (fatta eccezione per i vasi grigi che si sposano bene con la corteccia grigia del tridente). Per i bonsai giapponesi di grandi dimensioni con tronchi spessi, troverete i vasi adatti alla voce Vasi per bonsai grandi.

L'acero tridente con la sua chioma spesso rotonda si adatta abbastanza bene in un vaso per bonsai ovale, a volte anche in vasi per bonsai rotondi. I vasi rettangolari di solito non sono adatti. I vasi piatti dovrebbero essere evitati a causa della forte crescita delle radici. I sottovasi non sono necessari perché questa specie arborea non dovrebbe essere posizionata in casa.

I vasi per bonsai in plastica sono contenitori adatti ai prebonsai in fase di crescita. Il colore marrone scuro dei vasi non si abbina molto bene al tronco spesso grigio di un tridente. Tuttavia, questi vasi di plastica sono economici, resistenti al gelo, agli urti e ai raggi UV. Per le giovani piante di 2-3 anni è meglio usare vasi per piante giardino.

Fiori, Frutti

Fiori e frutti compaiono raramente sul bonsai di acero tridente. La maggior parte dei bonsai in commercio è troppo giovane per poterli formare.

Corteccia, Radici

La corteccia grigia, per lo più liscia, non è molto sensibile. Tuttavia, il filo deve essere manipolato con cura in modo da non lasciare segni.

La crescita delle radici è molto intensa. Di conseguenza, molti bonsai di tridente hanno radici considerevoli. Questo tipo di albero può essere margottato molto bene. Le prime radici appaiono spesso dopo 2-3 mesi (a seconda della tecnica).

Informazioni generali

L'acero tridente (Acer buergerianum botanico, famiglia acero indigeno - Aceraceae) è un albero deciduo di medie dimensioni. Raggiunge un'altezza fino a 20m con un diametro del tronco fino a 50-60 cm. L'acero tridente è originario della Cina, del Giappone e di Taiwan.

Le foglie opposte, come quelle dell'acero trilobo e dell'acero campestre, sono a tre lobi (da cui il nome) e in autunno diventano da rosso-arancio a rosso. Queste 3 specie di acero sono anche molto simili in termini di crescita delle radici e tolleranza alla potatura.