Margottato un bonsai

Margotta Radicamento Margottare un bonsai Come si procede ?

Cosa s’intende per Margotta ?

In orticoltura, la Margotta è una tecnica che viene utilizzata principalmente per la riproduzione degli alberi. Lo scopo della Margotta è l'estrazione vegetativa (asessuata) delle piante figlie. Le piante figlie sono radicate sulla pianta madre. Solo dopo che si sono formate le radici, le due piante vengono separate.

Con la Margotta, su un ramo vengono eseguiti due tagli paralleli lungo la sua circonferenza, con un coltello affilato. Questi tagli devono essere eseguiti in profondità, fino al legno. La distanza tra i tagli è, di solito, di 2-3 cm.

Nel passaggio successivo, viene rimossa la corteccia tra i due tagli fino al legno. Importante: l'intero meristerma (strato tra legno e corteccia) deve essere accuratamente rimosso (raschiato).

Quindi la parte scortecciata (striscia) è completamente avvolta con muschio di sfagno umido. Una pellicola di materiale plastico scuro viene avvolto all'esterno del muschio di sfagno e viene fissato saldamente al ramo con un filo di ferro o una fascetta di plastica sotto e sopra la sfera di muschio, in modo che l'umidità non possa fuoriuscire.

Il periodo migliore per la margotta è la tarda primavera (aprile). Se il muschio di sfagno rimane umido, nei prossimi mesi si svilupperanno nuove radici sulla parte superiore (esterna).

Se queste radici sono abbastanza forti, il ramo può essere segato sotto le radici e messo a dimora in un vaso come pianta figlia.

Poiché la Margotta è una tecnica molto complessa, viene adottata raramente, spesso per moltiplicare varietà di alberi da frutto rare.


Bonsai margottato con una sfera di muschio - buone radici superficiali impostate con Margotta con sfere di muschio su un acero ginnala- Acer ginnala. Il pre-bonsai a destra ha 11 anni.
⧉ Radici superficiali dopo la Margotta - Acero ginnala

Perché l'albero forma nuove radici sul punto della Margotta ?

Un albero ha 2 condotti diversi: i condotti dell'acqua (xilema) nel tronco e i percorsi assimilati (floema) tra il legno e la corteccia.

Acqua e minerali vengono trasportati dalle radici fino alle foglie attraverso il floema, che si trova nella sezione esterna del tronco.

Nel floema, gli zuccheri prodotti dalla fotosintesi vengono trasportati dalle foglie fino al tronco o alle radici.

Nel punto della Margotta, il floema viene tagliato durante lo scortecciamento. Non è più possibile trasportare gli zuccheri verso il basso. Se il punto della Margotta viene mantenuto umido e al buio, l'albero forma nuove radici sulla parte superiore (esterna) e può trasportare gli zuccheri alle nuove radici.

Finché le radici sul punto della Margotta sono mantenute umide e al buio, il ramo può continuare a crescere normalmente. Se le radici sono abbastanza forti, l'intero ramo può essere separato dalla pianta madre e messo a dimora in un vaso.


Bonsai margottato con un sfera di muschio - radici superficiali da Margotta con sfere di muschio su un Evonimo - Euonymus europaeus. Il pre-bonsai sulla destra ha 9 anni.
⧉ Radici superficiali dopo la Margotta - Evonimo

Perché a volte i bonsai sono margottati ?

La Margotta viene utilizzata nell’impostazione dei bonsai come tecnica per migliorarne la qualità. A volte, grazie ad essa, si accorcia un ramo lungo o si ottiene un nuovo pre-bonsai. Più spesso una cattiva radicazione o una malformazione del tronco sono corrette grazie alla tecnica della Margotta.

Accorciare un ramo lungo: a volte i bonsai o i pre-bonsai hanno una buona chioma, ma un ramo eccessivamente lungo (la distanza tra la superficie della terra e il ramo principale è eccessiva). Grazie alla Margotta, ovvero grazie alla formazione di nuove radici più in alto sul tronco, esso può essere accorciato dopo aver rimosso le vecchie radici. Ciò consente di migliorare significativamente le proporzioni del bonsai e allo stesso tempo c’è la possibilità di progettare un sistema radicale molto ampio.

Mediante la tecnica della Margotta, si può anche ottenere una nuova pianta bonsai dal ramo di un albero normale. In questo modo, in pochi mesi si può ottenere un buon bonsai.

Radici superficiali non adatte (Nebari): le radici superficiali non sono come pensavamo (ad esempio, irregolari, unilaterali) e dovrebbero essere migliorate. Se le radici superficiali sono in un cattivo stato che non può essere migliorato con altre tecniche, la Margotta è una soluzione per ottenere una radice completamente nuova un po' più in alto sul tronco. Funziona molto bene con molti alberi decidui (bonsai di acero come l’acero giapponese, azalee, olmi).

Malformazioni del tronco: se il tronco ha un difetto che non può essere corretto diversamente (ad esempio un tronco contro conico, cioè il tronco si assottiglia verso le radici), la Margotta può essere impiegata per ottenere una nuova radice posta sopra la malformazione. Dopo la formazione delle radici e la rimozione del tronco malformato sotto il punto margottato, i bonsai possono essere rinvasati in un vaso per bonsai senza imperfezioni.

A volte, come succede nel nostro vivaio bonsai, la tecnica della Margotta viene largamente impiegata nella coltivazione dei bonsai. Fin dall'inizio, vengono prodotti pre-bonsai con buone radici.


Esempio di correzione di un tronco ispessito grazie alla Margotta


Come funziona la Margotta di un bonsai ?

Esistono vari tipi di tecniche di Margotta. La base botanica e fisiologica delle piante è identica per tutte le tecniche.

Passaggi nella Margotta di un bonsai

  • 1. Interrompere il flusso di linfa (il floema) con il taglio di un anello (tagliare e rimuovere la corteccia), strozzandolo con il filo per bonsai (metodo del laccio emostatico) o utilizzando una sfera di muschio. Importante: il floema deve essere tagliato completamente.
  • 2. Mantenere umido il punto della Margotta rincalzandolo con del terriccio o imballandola, ad esempio con muschio di sfagno + pellicola di plastica scura per diversi mesi, a volte anni.
  • 3. Separazione della pianta figlia dalla madre tagliando sotto le radici appena formate.
  • 4. Rinvaso della nuova pianta. Si consiglia un substrato per bonsai ben drenante.