Svernamento Bonsai

Lo svernamento dei bonsai non differisce in modo significativo dallo svernamento di altre piante legnose conservate in vaso. A nostro avviso, svernare un bonsai è semplice. Tuttavia, è necessario osservare alcuni punti fondamentali.

Svernare un bonsai da esterno

I bonsai da esterno sono bonsai resistenti di specie arboree in grado di sopportare senza problemi anche le temperature più basse in inverno. Sono geneticamente adattati al gelo.

Sebbene questi alberi bonsai resistenti possano resistere bene al gelo, non dovrebbero, se possibile, essere svernati all'aperto. Quando fa molto freddo il terriccio per bonsai nel vaso è congelato e non può più fornire acqua. Nonostante la spiccata resistenza, un bonsai tenuto all'aperto può subire danni per la mancanza d'acqua.

Il problema della mancanza d'acqua nel terreno ghiacciato può essere evitato svernando i bonsai in una serra fredda o sotto una tettoia di alluminio. Anche mettere il bonsai a dimora nel terreno del giardino (ombreggiato, riparato dal vento) rappresenta una buona soluzione.

In ogni caso, si dovrebbe evitare di svernare i bonsai da esterno al chiuso o anche in appartamento perché le temperature sono troppo alte e di solito è troppo buio. In queste condizioni, i bonsai esauriscono le loro riserve e s'indeboliscono. Potrebbero persino germogliare. Quindi anche i bonsai più resistenti diventano improvvisamente sensibili al gelo e possono morire congelati anche a temperature appena inferiori a 0 ° C.


Amamelide (Hammamellis): fiori

Quali tipi di bonsai sono resistenti ?

A seconda del clima del luogo d'origine di una specie, i bonsai sono più o meno resistenti al gelo. Le specie di alberi possono essere approssimativamente suddivise in 3 gruppi per quanto riguarda la resistenza invernale:

  • Non resistente al gelo: le specie arboree delle aree tropicali e subtropicali non sono resistenti. Nel paese d'origine le temperature non scendono sotto i 3-4°C (ad eccezione delle montagne). Geneticamente, non sono in grado di sopportare temperature gelide. Inoltre non è possibile acclimatare bonsai provenienti da tali aree a temperature inferiori ai 3-4°C. Appartengono a questo gruppo molti bonsai da interno, ad esempio il bonsai di ficus, la carmona, il bonsai di Serissa, il bonsai di ligustro e l'bonsai di albero del pepe.
  • Bassa resistenza al gelo: le temperature intorno al punto di congelamento possono essere sopportate per un breve periodo. Tali bonsai provengono da aree in cui si verificano raramente gelate leggere. Chiamiamo questi bonsai "da serra fredda". Ciò significa che hanno bisogno di protezione da gelate forti e prolungate. Rappresentanti tipici di questo gruppo sono le specie arboree della regione mediterranea come il bonsai di melograno, il frassino cinese, gelsi e olivi, ma anche specie arboree come la sageretia, il bonsai di podocarpo e bonsai di olmo cinese.
  • Assolutamente resistenti: questi bonsai provengono da zone con forti gelate in inverno. Tali bonsai possono tollerare temperature di -10°C o inferiori durante l'inverno. Questo gruppo comprende: bonsai di acero, albicocco, bonsai di azalea, bonsai di carpino, bonsai di larice, bonsai di sequoia, bonsai di olmo e bonsai di ginepro.

Temperatura e metabolismo

Il metabolismo delle piante dipende dalla temperatura. Una temperatura più alta di 10 ° C raddoppia la velocità del metabolismo. Tutti i processi nella pianta vengono eseguiti più velocemente e utilizzano energia. Le sostanze di riserva vengono scomposte più velocemente. Queste sostanze di riserva possono quindi mancare durante la germogliazione di bonsai resistenti. Allo stesso tempo, non può essere immagazzinata molta energia. Molti bonsai da esterno non hanno foglie in inverno (per la fotosintesi) e l'apporto di luce è basso a causa delle giornate corte.

I bonsai resistenti non si devono svernare in luoghi troppo caldi: una stanza in un seminterrato non è il luogo adatto per lo svernamento dei bonsai.

Lo stesso vale per i bonsai da interno. La temperatura in un appartamento riscaldato è alta e il metabolismo del bonsai da interno funziona a pieno regime. Allo stesso tempo, le giornate sono brevi, spesso nuvolose e la quantità di luce in un normale appartamento è solitamente molto bassa. Possiamo aiutare il nostro bonsai da interno mantenendo la temperatura bassa in una stanza non riscaldata e 8-10 ° C sono del tutto sufficienti per i bonsai da interno.

Temperatura e resistenza

La maggior parte dei bonsai da esterno è estremamente resistente. A fine estate e in autunno, i bonsai da esterno sani hanno molte sostanze di riserva (sotto-forma di amidi) immagazzinate nel tronco e nelle radici. L'amido ha poca capacità di attrarre l'acqua, di conseguenza le cellule contengono poca acqua con molte sostanze disciolte. Il punto di congelamento delle cellule scende in modo significativo e il bonsai è pronto per le gelate più intense.

Se le giornate si allungano di nuovo dalla fine di dicembre, il bonsai diventa lentamente sensibile alle temperature più elevate. Ciò significa che se la temperatura è troppo alta per un periodo di tempo più lungo tra la metà e la fine di gennaio, il bonsai inizierà a germogliare. L'amido viene scomposto in glucosio dagli enzimi. Il glucosio è facilmente solubile in acqua. Le cellule dell'albero iniziano ad assorbire l'acqua e il punto di congelamento delle cellule aumenta rapidamente e in modo significativo. L'albero perde la sua resistenza al gelo e anche gli alberi molto resistenti possono subire danni.

Importante: non svernare i bonsai all'aperto in un luogo troppo caldo. Ventilare bene le serre e le tettoie di alluminio in inverno quando c'è il sole. Spesso sotto la tettoria di alluminio la temperatura è di + 20 ° C durante il giorno e -10 ° C di notte, e al bonsai non piace. Quando si svernano i bonsai interrandoli in giardino, scegliere un luogo ombreggiato per i mesi invernali.

Se un bonsai ha iniziato a germogliare troppo presto a causa delle alte temperature, deve essere protetto dal gelo.

Svernare interrando

Lo svernamento dei bonsai da esterno interrandoli in giardino è semplice da gestire e non costa né fatica né denaro. Se si osservano i punti elencati di seguito, questo metodo è molto sicuro per il bonsai ed è facile da eseguire anche per i principianti.

  • Il luogo di svernamento dovrebbe essere riparato dal vento (angolo del giardino, muro di casa, siepe). I bonsai evaporano costantemente l'acqua in inverno (anche senza foglie) e il vento aumenta notevolmente l'evaporazione. Nel caso del periodo di permafrost, il terreno ghiacciato non può fornire acqua e il bonsai può soffrire della sua mancanza. Un luogo riparato riduce questo rischio. Se c'è la neve, usatela per coprire il bonsai. La neve è una protezione perfetta contro l'essiccazione.
  • Scegliere un luogo ombreggiato per svernare i bonsai, riduce anche l'evaporazione. Inoltre, la luce solare con il permafrost può causare crepe da gelo (principalmente sul tronco). Queste sono causate da forti differenze di temperatura tra il lato soleggiato e quello ombreggiato e possono degradare la qualità e la salute del bonsai.
  • Mettere il bonsai abbastanza in profondità, ma non troppo. Per quanto riguarda gli alberi decidui senza foglie, un bonsai può essere interrato quasi fino ai primi rami. Se non è interrato abbastanza in profondità, il substrato nel vaso bonsai (o il pane radicale) si congela rapidamente e non può fornire acqua al bonsai. Il pane radicale dovrebbe essere chiaramente coperto di terra.
  • Quando svernano all'aperto, controllare regolarmente i bonsai per i morsi di topo. I morsi di topo non sono comuni, ma a volte possono verificarsi. Le specie arboree apprezzate dai roditori sono: soprattutto il melo (Malus), a volte anche l'acero giapponese (Acer palmatum), il tiglio (Tilia), la sequoia (Metasequoia) e l'evonimo (Euonymus).
  • Svernare con o senza vaso ? Sono possibili entrambi i modi. Se il vaso non è resistente al gelo, la pianta deve essere rinvasata.
  • Suggerimento: indipendentemente dal fatto che si metta a dimora nel terreno con o senza vaso, avvolgere il pane radicale con un panno di iuta: cavarlo e pulirlo in primavera sarà molto più facile e comodo.
  • Fai attenzione quando usi gli strumenti. È facile rompere un ramo con la vanga. Spesso l'uso delle mani (guanti di gomma) è più veloce e sicuro.


Esperienze di Martin Schillings

Come spesso si legge nella letteratura attuale, lo svernamento dei bonsai in realtà non è così problematico come pensano i principianti in particolare, ma anche molti dei più esperti.

Tutte le "forme" di svernamento a me note hanno i loro vantaggi e svantaggi. Quindi per anni ho lasciato tutti i miei alberi (ad eccezione dei bonsai da interno) a svernare in giardino senza vaso. Negli anni, non ho avuto nemmeno un albero o un solo ramo congelati.

Negli ultimi due anni ho messo parte della mia collezione nel nostro gazebo. Ho lasciato un'altra parte sullo scaffale o l'ho messa in una "scatola" (è lunga 3 metri larga circa 1 metro) ricoperta di pacciame di corteccia e l'ho portata in questo periodo dell'anno per proteggerla dai venti freddi.

Di seguito riporto brevemente le mie (!) esperienze con lo svernamento dei bonsai svernamento, sulla base dei seguenti valori:

  • Gradi meno massimi (Bassa Renania): raramente circa -15°C, di poco al di sotto
  • Temperatura massima: circa +10 -> + 15°C
  • Quantità di precipitazioni: decisamente troppe
  • Altezza della neve (non è uno scherzo): lo scorso anno per circa due giorni 2-5cm. Dopodiché, di solito si scongela di nuovo (da noi gli sciatori non vanno lontano sui loro sci)
  • Luce solare: decisamente troppo poca per uomini e animali (da noi è la stagione dei musi lunghi e la vendita di antidepressivi nelle farmacie sta aumentando enormemente)

Svernamento - messa a dimora nel terreno senza vaso

  • Coperto con uno strato di terreno da giardino di circa 3-5cm
  • Vantaggio: umidità per tutto il periodo in tutte le parti del pane radicale. Copertura aggiuntiva con foglie o simili non necessaria
  • Svantaggio: se il substrato è permeabile (ed è così che dovrebbe essere), raramente si può evitare il rinvaso in primavera. Anche il pane radicale più solido nel tempo si disintegra. Ciò comporta un investimento di denaro (L'Akadama è buona e costosa). Nessun lavoro invernale possibile. (Fare cose in contrasto tra loro è piuttosto mortale per i nostri bonsai in inverno)

Bonsai svernato - messa a dimora nel terreno con vaso

  • Vantaggio: Nessun nuovo rinvaso, i lavori che possono essere effettuati in inverno sono possibili se il terreno non è ghiacciato e per questo semplicemente non si vuole "rinunciare" all'albero !
  • Ma questi sono gli unici vantaggi se si mette l'albero nel terreno con il vaso
  • Svantaggio: il terreno generalmente argilloso del giardino ostruisce i fori di drenaggio nel vaso, l'acqua piovana scorre molto lentamente o per niente, con conseguente ristagno e quindi marciume radicale. Se l'umidità (supponendo che l'albero sia protetto dalla pioggia da foglie!) arriva all'albero, allora questo avviene solo dall'alto

Svernamento - con un vaso per bonsai sotto una serra

  • Il pavimento è duro (lastre di cemento / legno / pallet)
  • Vantaggio: nessun nuovo rinvaso, i lavori che possono essere eseguiti in inverno sono facili da fare
  • Svantaggio: è essenziale un controllo più frequente dell'umidità del vaso

Svernamento - Con il vaso in una serra ricoperta di pacciame di corteccia

  • Vantaggio: protezione aggiuntiva (da noi piuttosto inutile!) Contro il gelo. Il lavoro che può essere svolto in inverno è facile
  • Svantaggio: (valore empirico!) il pacciame di corteccia tende ad ammuffire quando è umido e "coperto" dalla pellicola

Svernamento - con il vaso nella serra (cella frigorifera)

  • Vantaggio: buona protezione (se adeguatamente ventilata), nessun nuovo rinvaso. Il lavoro che può essere svolto in inverno è semplice
  • Svantaggio: la temperatura nella nostra serra sale facilmente oltre i 20°C quando c'è il sole

Svernamento - con un vaso per bonsai in una stanza buia e fredda (ad esempio la cantina)

  • Vantaggio: buona protezione, nessun nuovo rinvaso. Il lavoro sul bonsai che può essere fatto in inverno è semplice
  • Svantaggio: non adatto per pini e altri alberi "sempreverdi"

Svernamento - con il vaso in una serra fredda e luminosa

  • Vantaggio: vedi sopra + "sempreverde", ma la temperatura dovrebbe essere ben al di sotto di + 5°C (massimo + 8°C per alberi come Acero tridente / Acer palmatum Deshojo o Seigen)
  • Svantaggio: nessuno, dal mio punto di vista