Scegliere il vaso per bonsai giusto

Criteri di selezione Fase di sviluppo Pane radicale Dimensioni Colori Struttura Smaltatura Forma Piedini

In parole povere, un bonsai è un albero in un vaso. Ciò significa che sia l'albero bonsai che il vaso per bonsai contribuiscono in modo significativo alla composizione complessiva e la selezione del vaso giusto per bonsai ha un'influenza estremamente importante sull'effetto del bonsai stesso.

Un vaso per bonsai adatto valorizza notevolmente un bonsai ma, senza il vaso giusto, un bonsai non sarà in grado di sfruttare tutto il proprio potenziale. Un vaso per bonsai inadatto può addirittura rovinare l'impressione visiva di un buon bonsai.

La scelta del vaso per bonsai è un aspetto spesso trascurato quando si progetta un bonsai. Certo, trovare il giusto vaso per bonsai non è facile ma scegliere quello sbagliato è costoso, perché il vaso giusto dovrà essere riacquistato più tardi.

È molto difficile stabilire regole universali per la scelta di un vaso per bonsai. Molti elementi giocano un ruolo determinante. Qui vorremmo provare a dare almeno alcuni suggerimenti di base.

Cosa bisogna considerare quando si sceglie il giusto vaso per bonsai ?

1. Stato di sviluppo di un bonsai: il pre-bonsai deve essere rinvasato in un vaso per bonsai in ceramica solo quando lo sviluppo del bonsai è ben avanzato. Un vaso per bonsai di plastica può essere utilizzato nella fase intermedia. È notevolmente più economico e il prezzo è più adatto a un pre-bonsai.

2. Dimensioni del pane radicale: se il pane radicale è troppo grande per il giusto vaso per bonsai, non si dovrebbe scegliere un vaso più grande. È meglio ridurre il pane radicale negli anni successivi rinvasando il bonsai e potando le radici, in modo che si adatti al vaso per bonsai ottimale.

3. Dimensioni: le dimensioni esterne (di solito la lunghezza del vaso per bonsai) e la forma visibile del vaso per bonsai devono corrispondere al bonsai.

4. Colore del vaso per bonsai: il vaso, con un colore tenue sullo sfondo, dovrebbe sottolineare la bellezza del bonsai. Un vaso per bonsai con un colore dominante può rovinare il quadro generale del progetto del nostro bonsai.

5. Struttura del vaso per bonsai: un bonsai con una corteccia rugosa si adatta meglio a un vaso con una superficie fortemente rasposa. Al contrario, in molti casi un albero con corteccia liscia si inserisce in un vaso per bonsai con una superficie liscia.

6. Smaltatura: alcune specie di alberi, come i bonsai di conifere, si adattano meglio a un vaso per bonsai non smaltato. Gli alberi decidui, ma soprattutto i bonsai da fiore, si adattano bene a un vaso per bonsai smaltato.

7. Forma del vaso per bonsai: per un albero "rugoso" segnato dalla vita, è generalmente preferibile scegliere un vaso per bonsai quadrato piuttosto che un vaso ovale o rotondo.

Criteri di selezione per i vasi per bonsai nel dettaglio:

Le informazioni fornite qui si basano principalmente su considerazioni estetiche. Per ragioni fito-fisiologiche, può accadere che alcune specie di bonsai debbano discostarsi dall'"ideale". Ad esempio, i bonsai con radici con forte crescita (bonsai di olmo, bonsai di acero) o anche specie di alberi da fiore (bonsai di azalea) e fruttiferi (bonsai di melo) spesso necessitano di vasi per bonsai più profondi.

Stadio di sviluppo di un bonsai

Un bonsai non dovrebbe essere messo in vaso per bonsai definitivo fino a quando l'albero non ha sostanzialmente finito di svilupparsi. Lo sviluppo di una buona base del tronco, un corrispondente spessore del tronco e la formazione dei rami principali dovrebbero essere in gran parte completati. Spesso, un bonsai viene tolto dal campo o dal suo contenitore e messo in vaso troppo presto. Dopo il rinvaso, l'ulteriore sviluppo del bonsai procede lentamente. I risultati che si possono ottenere in un anno in campo o in un grande vaso da vivaio in plastica spesso non si ottengono in un vaso per bonsai in 4-5 anni. Il tentativo di modellare l'albero incompiuto per adattarlo a un vaso di solito fallisce o richiede molto più tempo che in un vaso grande o in campo.

Dimensioni del pane radicale

Le dimensioni del vaso per bonsai dipendono dalle dimensioni del bonsai, non dalle dimensioni del pane radicale. Se il pane radicale è troppo grande, dovrebbe e deve essere ridotto nelle dimensioni. Se il bonsai viene rinvasato regolarmente ed effettuando potatura delle radici, le dimensioni del pane radicale non costituiscono un problema quando si sceglie il giusto vaso per bonsai.

I bonsai devono essere rinvasati ogni 3-5 anni, a seconda del tipo di albero. Con un albero deciduo sano, è facile rinvasare il bonsai al momento giusto potando le radici.

La potatura delle radici è importante. Se ciò non viene fatto, il pane radicale delle specie di alberi a forte crescita (ad esempio bonsai di olmo, bonsai di acero) presto non si adatterà più al vaso giusto e la proporzione di radici fini diminuirà costantemente. Ad un certo punto, il bonsai avrà dei problemi, sarà malato.

Inoltre, il bonsai a un certo punto apparirà strano in vasi sempre più grandi. Le proporzioni tra albero e vaso presto non corrisponderanno più.

Bonsai di pino giapponese con vaso per bonsai troppo grande
⧉ Pino giapponese - Vasi per bonsai troppo grandi

Dimensioni dei vasi per bonsai

Quando i clienti acquistano un vaso, spesso ci viene chiesto di quanto debba essere più grande un nuovo vaso. La nostra risposta è perlopiù sorprendente: se il bonsai non è cresciuto significativamente di più rispetto all'ultimo vaso, non c’è bisogno di un vaso più grande.

Quanto dovrebbe essere grande un vaso per bonsai ottimale ?

Per i bonsai che sono significativamente più alti che larghi, la lunghezza dei vasi per bonsai (ovali e rettangolari) dovrebbe essere circa 2/3 dell'altezza dell'albero. Nel caso di alberi molto larghi, il punto di partenza per stimare la lunghezza del vaso per bonsai è la larghezza del bonsai anziché l'altezza. Il valore di 2/3 corrisponde alla "sezione aurea". La sezione aurea si trova molto spesso in natura e ha un effetto armonioso sullo spettatore (che è abituato a queste proporzioni da una vita).

Nella maggior parte dei vasi, la larghezza del vaso per bonsai è correlata alla sua lunghezza. La larghezza del vaso per i vasi ovali e rettangolari è circa il 70-85% della lunghezza del vaso. Ciò significa che si deve cercare un vaso per bonsai particolarmente largo solo se si ha un pane radicale molto ampio. Poiché è ininfluente, esso normalmente non ha importanza per la scelta di un vaso.

Bonsai di melo con diversi vasi per bonsai in gran parte coordinati
⧉ Bonsai di melo con vasi per bonsai coordinati

L'altezza di un vaso per bonsai si armonizza particolarmente bene con l'albero se l'altezza del vaso corrisponde allo spessore del tronco appena sopra le radici.

Questo diventa difficile con alberi giovani dal tronco sottile, che spesso non si possono porre in un vaso piatto e coordinato. In questi casi, ci sono solo due soluzioni a lungo termine. Si può rendere il pane radicale più piatto nel corso degli anni rinvasando e potando le radici oppure bisogna fa ispessire il tronco (ad esempio ispessendolo con rami sacrificali o germogli sacrificali) in modo che si armonizzi con un vaso adatto.

I bonsai nello stile a semi-cascata e in particolare le piante progettate nello stile a cascata sono posti in vasi significativamente più alti.

Colore del vaso per bonsai

Prima che un bonsai venga messo in vaso, è necessario considerare quali cambiamenti (soprattutto di colore) esso subisce durante la stagione vegetativa. Di solito è rinvasato prima della germogliazione. Quando si sceglie il vaso, ad esempio, può succedere che il colore della foglia durante il periodo vegetativo o il colore del fiore non siano ancora visibili.

Ruota dei colori
⧉ Ruota dei colori
Bonsai di acero giapponese con un vaso per bonsai di colore dominante
⧉ Acero giapponese con vaso per bonsai dominante

In ogni caso, il colore non dovrebbe essere troppo dominante, in modo che il fascino del bonsai non svanisca sullo sfondo.

Nel caso di un bonsai con un colore appariscente, il colore del vaso per bonsai, se possibile, non dovrebbe essere identico all'albero. In molti casi, i vasi nel colore complementare sulla ruota dei colori mostrata funzionano meglio. Ciò significa che i frutti arancioni (ad esempio dei bonsai di piracanta) vanno bene con un vaso per bonsai blu oppure i vasi verdi sono adatti per le foglie rosse di alcune varietà di bonsai di acero giapponese.

La ruota dei colori è un buon orientamento di base, ma non dovrebbe essere usata in modo troppo rigoroso. Se il colore complementare è troppo appariscente, è possibile, ad esempio, selezionare anche il colore adiacente.

Se il colore di un vaso per bonsai smaltato è troppo intenso, si può anche cercare un vaso non smaltato nel tono d'argilla desiderato. I colori dei vasi per bonsai non smaltati sono per lo più vicini al colore della terra, più tenui.

La scelta del colore del vaso per bonsai può anche influenzare l'energia che emette il progetto di un bonsai. I colori caldi (nella ruota dei colori dal giallo, al rosso, al viola) conferiscono al bonsai calore ed equilibrio, i colori freddi (i colori rimanenti nella ruota dei colori) trasmettono robustezza e freschezza.

Vasi per bonsai di struttura rasposa rispetto a vasi con una superficie liscia
⧉ Struttura dei vasi per bonsai rasposa vs. liscia

Struttura della superficie del vaso

La texture della superficie del vaso dovrebbe essere scelta in abbinamento con la texture della corteccia del bonsai. Ciò significa che più ruvida è la corteccia, più rasposa dovrebbe essere la texture della superficie del vaso per bonsai, in modo che il vaso sottolinei la "natura selvaggia" del bonsai.

Anche l'aspetto generale del bonsai gioca un ruolo fondamentale. È meglio posizionare un albero segnato dalla vita con molto legna secca in un vaso per bonsai con texture rasposa. Una superficie liscia indebolirebbe il carattere di un simile bonsai.

Vasi per bonsai smaltati o non smaltati

Fondamentalmente, i vasi per bonsai smaltati sono particolarmente adatti alle latifoglie e i vasi non smaltati alle conifere. Le conifere non stanno bene in vasi smaltati. Allo stesso modo, un bonsai di azalea con i suoi splendidi fiori non sarebbe valorizzato in un vaso poco appariscente e non smaltato.

Ciò non significa che un vaso per bonsai non smaltato non sia adatto a una latifoglia. Se, ad esempio, non è possibile trovare un vaso smaltato opaco adatto, un buon vaso fatto a mano del colore dell’argilla può migliorare in modo significativo un bonsai di latifoglia.

I bonsai di conifere in vasi smaltati sono meno comuni. Se si vuole scegliere un vaso smaltato, lo smalto dovrebbe essere opaco.

Forma del vaso per bonsai

La forma del vaso per bonsai determina in gran parte la composizione complessiva. Prima di decidere la forma di un vaso, si dovrebbe pensare al carattere del bonsai o alla composizione generale.

Di solito, il fascino di un bonsai si divide tra femminile e maschile o anche più morbido e più angolare.

Poiché molti bonsai combinano entrambi gli aspetti, questa decisione è spesso molto difficile. Per alcuni bonsaisti un albero è più femminile, per altri lo stesso bonsai è più maschile. Alla fine, siamo noi a decidere in qualità di creatori. È importante sottolineare il fatto che un albero piuttosto femminile non sarà valorizzato in un vaso con angoli retti e un bonsai maschile con molta legna secca non si adatterà bene a un bel vaso per bonsai con curve morbide.

Quali caratteristiche indicano la natura "maschile" o "femminile" ?

Maschile:

  • Tronco massiccio e fortemente affusolato
  • Corteccia rugosa, molto strutturata
  • Aree più ampie di legna secca (Jin = rami morti, Shari = sezione del tronco morto), spine sul tronco e rami
  • Chioma molto fitta con rami più dritti

Femminile:

  • Aspetto grazioso e delicato con un tronco leggermente ricurvo e solo leggermente affusolato
  • Corteccia liscia
  • Nessuna o aree ben poco appariscenti di legna secca, preferibilmente senza spine
  • Chioma più leggera con rami leggermente ricurvi

Ai vasi per bonsai vengono assegnati anche i tratti distintivi "maschile" e "femminile".

Maschile: Vasi per bonsai per alberi in stile litterati
⧉ Vasi per bonsai per lo stile litterati

  • Vasi per bonsai rettangolari e quadrati
  • Vasi profondi
  • Piedini solidi e stabili
  • Vasi per bonsai dalle pareti spesse

Femminile:

  • Vasi per bonsai ovali, rotondi e a forma di fiore di loto
  • Vasi piatti
  • Piedini giocosi e delicati
  • Vasi dalle pareti sottili

Quando si sceglie la forma del vaso, si cerca quindi di unire queste caratteristiche di base del bonsai e del vaso. Poiché la divisione in "maschile" e "femminile" è molto fluida sia per l'albero che per il vaso, scegliere il giusto abbinamento non è facile.

Ma anche qui ci sono alcune linee guida che forniscono un orientamento di base:

  • Le specie di conifere, specialmente quelle con un tronco forte e fortemente affusolato, si adattano bene a vasi per bonsai rettangolari, profondi e non smaltati, che sottolineano la forza dell'albero.
  • Molte specie di conifere stanno bene in vasi per bonsai ovali, dalle pareti sottili, smaltati, che ne sottolineano la delicatezza.
  • I vasi per bonsai piatti e ovali sono adatti per lo stile boschetto, specialmente quando i singoli alberi sono leggermente rastremati.
  • I bonsai in stile litterati sono i candidati perfetti per vasi smaltati piatti, rotondi, spesso opachi a causa del tronco appena affusolato.
  • Le latifoglie "maschili" tendono ad avere un bell'aspetto in vasi rettangolari con angoli arrotondati.
  • I bonsai in stile cascata sono posti in vasi per bonsai molto alti. Il vaso, spesso, è due o tre volte più alto di quanto sia largo. I vasi per bonsai a cascata sono rotondi, quadrati, esagonali o ottagonali, raramente di forma diversa.
  • Gli esemplari a semi-cascata sono posti in vasi per bonsai rotondi, quadrati, esagonali o ottagonali. Di solito l'altezza e la larghezza del vaso sono equivalenti



Piedini di vasi per bonsai

Lo scopo principale dei piedini dei vasi per bonsai è quello di consentire un buon drenaggio (l'acqua in eccesso può fuoriuscire attraverso i fori di drenaggio sul fondo dei vasi) e consentono anche la circolazione dell'aria. Il vaso può asciugarsi dopo l'irrigazione e le radici che crescono dal foro di drenaggio si seccano fuori dal vaso.

Anche i piedini di un vaso per bonsai influenzano il suo aspetto. I piedini dei vasi per bonsai possono essere fini, decorativi o sottili e appena visibili, ma possono anche essere robusti, solidi, persino molto vistosi.

L'aspetto dei piedi dovrebbe essere preso in considerazione e può anche essere utilizzato per influenzare l'impressione generale. I piedini dei vasi grandi e massicci trasmettono stabilità e forza, mentre l'aspetto dei piedini delicati ha l'effetto opposto. Trasmette leggerezza.

Per concludere

Le informazioni fornite sopra possono dare solo un orientamento di base. Se, per la scelta, si prendono in considerazione i suggerimenti dati si evitano acquisti sbagliati.

A prescindere dalle regole, però, l'importante è che il design piaccia nel suo insieme. La scelta del giusto vaso per bonsai è molto soggettiva. Se si osserva il proprio albero con un sorriso e tutto funziona, allora si è fatta la scelta giusta.



Vasi bonsai - Gruppi di prodotti corrispondenti