Impostazione del bonsai

L'Impostazione e la modellazione dei bonsai sono la base per mantenere e aumentare la qualità di un bonsai a lungo termine. Il requisito fondamentale per una modellazione di successo dei albero bonsai è un'adeguata cura del bonsai e la padronanza delle varie tecniche di progettazione.


Bonsai grandi (Cina)

Si presume spesso che i bonsai siano coltivati in modo speciale, cioè specie di alberi nani geneticamente modificati che rimangono di piccole dimensioni. Ci sono due errori fondamentali in questa ipotesi. Da un lato, i bonsai non sono piante che sono state coltivate appositamente per la progettazione dei bonsai e, dall'altro, i bonsai non sono necessariamente piccoli.

Naturalmente ci sono varietà particolarmente adatte per la progettazione di bonsai e, naturalmente, la maggior parte dei bonsai sono piuttosto piccoli, cioè ben al di sotto di 1m di dimensione.

Ma - che sia piccolo o meno, che sia dritto o inclinato - questo è ciò che decide il progettista di bonsai. Ciò significa che decidiamo dove andare e non la genetica.

E abbiamo bisogno di un piano a lungo termine, molta perseveranza e il relativo know-how per poter raggiungere il nostro obiettivo alla fine del viaggio. Per questo abbiamo utilizzato diverse tecniche di Impostazione bonsai, che presentiamo in queste pagine.

Quali tecniche sono importanti per l'Impostazione dei bonsai ?

  • Potatura: La tecnica più importante e più frequentemente utilizzata per la progettazione dei bonsai è la potatura del bonsai. Questa non solo limita la crescita in termini di dimensioni, ma influenza anche la forma del bonsai e la sposta nella direzione desiderata. A seconda del tipo di albero, del vigore di crescita, del grado di maturità del bonsai, ecc. l'albero viene potato circa 2-3 volte all'anno.
  • Filatura: Per portare un albero esattamente nella forma desiderata, la filatura del bonsai è di solito inevitabile. Una fil speciale per bonsai viene avvolta intorno ai germogli o al tronco da formare e poi la parte della pianta viene piegata nella direzione desiderata. Dopo un po' di tempo (spesso mesi o anni) il ramo manterrà la nuova posizione e le fil per bonsai verrà rimossa.
  • Pinzatura: Il taglio e la filatura sono tra le tecniche di base dell'arte bonsai. Ciò significa che entrambe le tecniche sono utilizzate sia per i bonsai in costruzione (prebonsai) sia per gli alberi la cui modellazione di base è stata in gran parte completata. Anche la pinzatura è una delle tecniche di base, ma con poche eccezioni viene utilizzato principalmente per bonsai in gran parte finiti. Le punte dei germogli vengono rimosse per ottenere una ramificazione più fine dei cuscinetti dei rami.
  • Taglio delle foglie: Il taglio delle foglie di un bonsai (defogliazione) è usato come la pinzatura per aumentare la ramificazione fine di un bonsai. Spesso si riduce anche la dimensione delle foglie.
  • Margottato: Una delle tecniche più avanzate è la margotta di un bonsai. La preoccupazione principale è quella di ottenere un buon approccio radicale, a volte anche per accorciare un tronco troppo lungo o per ottenere materia prima per la coltivazione bonsai.
  • Progettazione del legno morto: Le tecniche avanzate di styling del bonsai includono anche metodi di design del legno morto, ovvero che vengono utilizzati per progettare parti jin e shari. Jin è un ramo morto e Shari è una sezione di tronco scortecciata.
  • Coltivazione: Se si vuole "coltivare il proprio bonsai", si utilizzano tecniche simili. In questo caso, tuttavia, è necessario adottare un approccio molto più sistematico, poiché con la coltivazione dei bonsai, ad esempio a partire da semi di alberi, l'orizzonte temporale fino al raggiungimento del risultato desiderato è molto più lungo. Se volete coltivare un bonsai da soli, dovete occuparvi dello stile bonsai dell'albero molto presto. Ad esempio, una volta definito il movimento principale, difficilmente potrà essere modificato in seguito.
  • Scelta del vaso bonsai: Non esiste un buon bonsai senza un vaso di bonsai adatto. Pertanto, quando si parla di Impostazione bonsai, non si può fare a meno di scegliere un vaso bonsai adeguato. A questo proposito, potete trovare numerosi consigli: Selezione dei vasi per bonsai.

Potatura

La potatura dei bonsai è la tecnica più importante per l'Impostazione di un bonsai e il mantenimento della sua forma. Un bonsai deve essere potato regolarmente. La potatura di un bonsai si divide in 2 tipi: La potatura strutturale e la potatura di mantenimento. Entrambi i tipi sono importanti per portare il bonsai alla forma desiderata e per mantenerla a lungo termine.

Il bonsai viene portato stilisticamente nella forma desiderata (stile bonsai) con la potatura strutturale del bonsai. La qualità del bonsai viene fondamentalmente cambiata e migliorata dal punto di vista estetico. La potatura strutturale è più radicale del taglio di mantenimento e richiede maggiori conoscenze e preparazione.

Il taglio strutturale del bonsai viene effettuato principalmente all'inizio dello sviluppo di un bonsai. Di conseguenza, una pianta originaria o un prebonsai esistente viene completamente rivisto e la sua forma viene notevolmente modificata.

La potatura di mantenimento mira a mantenere lo stile specifico di un bonsai e a migliorare qualitativamente la forma esistente in molti piccoli passi. È meno drastica e deve essere eseguita regolarmente, altrimenti la qualità di un bonsai può deteriorarsi rapidamente.

Informazioni più dettagliate si trovano sotto: Potatura bonsai


Filatura

La crescita del bonsai e la sua forma possono essere influenzate e controllate dalla filatura fin dall'inizio. Quasi tutti i buoni bonsai sono stati modellati con il filo a un certo punto, spesso per lunghi periodi di tempo. Senza filo è difficile ottenere una forma esatta del bonsai.

La filatura dei bonsai è un processo continuo che spesso viene eseguito gradualmente nel corso di molti anni. Un filo speciale viene avvolto intorno al tronco, ai rami e ai germogli. Le aree vengono poi piegate nella direzione desiderata.

Nei mesi successivi, la forma delle parti della pianta si solidifica attraverso l'ispessimento e la lignificazione. Quindi puoi rimuovere il filo dal bonsai.

Le parti sagomate del bonsai rimangono spesso in posizione (alberi con legno duro come azalee, aceri giapponesi). Nelle specie arboree con legno più morbido (ad esempio pino bianco, abete) i rami spesso tornano leggermente indietro. Quindi il bonsai deve essere nuovamente sottoposto a filatura.

Ulteriori informazioni con molte immagini sono disponibili sotto: Filatura bonsai


Pinzatura

La pinzatura è una tecnica di base dell’impostazione di un bonsai. Può essere applicata su molti tipi di alberi e, se usata correttamente, porta a una ramificazione più fine della chioma. Viene utilizzata principalmente su bonsai ben sviluppati, meno spesso sui prebonsai. Nel caso di pre-bonsai, la struttura di base del bonsai è ancora in fase di sviluppo, pertanto di solito è troppo presto per utilizzare la tecnica della pinzatura.

In sostanza, pinzare significa rimuovere con le dita il germoglio o la punta del germoglio

La punta del germoglio produce ormoni della crescita. Questi ormoni della crescita inibiscono il germogliamento dei germogli sottostanti. Se la punta del germoglio viene rimossa, gli altri germogli sono liberi di germogliare perché viene meno l'inibizione da parte degli ormoni vegetali.

C'è una migliore ramificazione. Il bonsai non cresce in altezza. La chioma diventa più fitta e compatta. Inoltre, su molti alberi bonsai compaiono più boccioli di fiori, un effetto spesso desiderato.

Per saperne di più sulla pinzatura, leggete sotto: Pinzatura dei bonsai


Margottato

In orticoltura, la Margotta è una tecnica che viene utilizzata principalmente per la riproduzione degli alberi. Lo scopo della Margotta è l'estrazione vegetativa (asessuata) delle piante figlie. Le piante figlie sono radicate sulla pianta madre. Solo dopo che si sono formate le radici, le due piante vengono separate.

La Margotta viene utilizzata nell’impostazione dei bonsai come tecnica per migliorarne la qualità. A volte, grazie ad essa, si accorcia un ramo lungo o si ottiene un nuovo pre-bonsai. Più spesso una cattiva radicazione o una malformazione del tronco sono corrette grazie alla tecnica della Margotta.

Accorciare un tronco lungo: A volte i bonsai o i pre-bonsai hanno una buona chioma, ma un tronco eccessivamente lungo (la distanza tra la superficie della terra e il ramo principale è eccessiva). Grazie alla Margotta, ovvero grazie alla formazione di nuove radici più in alto sul tronco, esso può essere accorciato dopo aver rimosso le vecchie radici. Ciò consente di migliorare significativamente le proporzioni del bonsai e allo stesso tempo c’è la possibilità di progettare un sistema radicale molto ampio.

Mediante la tecnica della Margotta, si può anche ottenere una nuova pianta bonsai dal ramo di un albero normale. In questo modo, in pochi mesi si può ottenere un buon bonsai.

Radici superficiali non adatte (Nebari): Le radici superficiali non sono come pensavamo (ad esempio, irregolari, unilaterali) e dovrebbero essere migliorate. Se le radici superficiali sono in un cattivo stato che non può essere migliorato con altre tecniche, la Margotta è una soluzione per ottenere una radice completamente nuova un po' più in alto sul tronco. Funziona molto bene con molti alberi decidui (bonsai di acero come l’acero giapponese, azalee, olmi).

Maggiori informazioni su: Margottato un bonsai


Coltivazione

Il termine allevamento di bonsai è spesso usato (in tedesco, anche da noi) per semplicità. Tuttavia, allevare un bonsai non è purtroppo possibile, perché la coltivazione e la modellazione di un bonsai non hanno nulla a che fare con la riproduzione in senso strettamente genetico. Nella maggior parte dei casi, per la coltivazione dei bonsai si utilizzano varie specie arboree che non differiscono geneticamente dalle piante in natura.

Tuttavia, bisogna limitare il fatto che alcune varietà allevate (in senso genetico), sono particolarmente adatte alla progettazione di bonsai. Queste "varietà bonsai" hanno spesso aghi particolarmente piccoli (ad esempio, le varietà di pino giapponese Zuisho e Kokonoe, un colore attraente delle foglie (le varietà di acero giapponese Deshojo - rosso carminio - o Katsura - rosso arancio al germoglio) o una ramificazione fine con foglie piccole (ad esempio, la varietà di acero giapponese Kiyohime).

Anche con il termine semi di bonsai bisogna sapere che si tratta di normali semi di alberi che vengono utilizzati per la coltivazione dei bonsai. A rigore, non esistono semi di bonsai.

Spesso, soprattutto nel settore dell'orticoltura, si parla di "allevare un bonsai". Poiché vogliamo coltivare le nostre piante di partenza attraverso tecniche creative in una certa direzione, la "coltivazione dei bonsai" si adatta molto meglio.

Se si vuole coltivare un bonsai, secondo la nostra esperienza, questo è abbastanza fattibile e utile. La coltivazione di bonsai sia da semi di alberi che da giovani piante ha un grande svantaggio: richiede molti più anni rispetto alla creazione di un bonsai da un prebonsai (= bonsai grezzo) o alla riprogettazione di un bonsai "finito" già progettato. Dovreste pianificare almeno 10-15 anni.

Ulteriori informazioni sulla coltivazione dei bonsai sono disponibili su: Coltivazione di bonsai