Rinvaso bonsai

Perché rinvasare ? Quando rinvasare ? Istruzioni passo per passo Scelta del vaso Attrezzi necessari

Se si vuole progettare un bonsai con successo, prima di tutto bisogna pensare a prendersene della cura dei bonsai.

Il rinvaso dei bonsai è una delle tecniche di manutenzione più importanti ed è fondamentale per mantenere gli alberi bonsai in salute a lungo termine. Sfortunatamente, è una tecnica spesso trascurata o eseguita in modo errato. Il rinvaso dei bonsai non è complicato, bensì si tratta di una tecnica semplice e basilare in orticoltura.

In sostanza, bisogna rinvasare al momento giusto, scegliere un vaso per bonsai adatto e utilizzare il giusto terriccio per bonsai. In questa pagina abbiamo cercato di riassumere i punti da tenere in considerazione durante il rinvaso di un bonsai. Prima di entrare nei dettagli, è necessario spiegare perché i bonsai devono essere rinvasati.

Perché è importante rinvasare i bonsai ?

I bonsai sono esseri viventi, in continua evoluzione, sia sopra che sotto terra. Per crescere bene e prosperare, hanno bisogno di energia (ottenuta attraverso la fotosintesi nelle foglie e immagazzinando zuccheri) e di sostanze nutritive, che prendono dal terreno. Per poter assorbire i nutrienti, hanno bisogno di molte radici, che si formano costantemente nel terreno.

Poiché l’albero ha a disposizione uno spazio limitato nel vaso, l'intero substrato per bonsai verrà riempito di radici dopo un certo lasso di tempo. Questo comporta il problema della mancanza di spazio per nuove radici.

E c'è un problema ancora più grande: tutti i macropori del terreno sono pieni di radici ma l'aria di questi pori è molto importante per le radici stesse. Come tutte le cellule, quelle delle radici hanno bisogno di ossigeno per vivere. Sebbene l'ossigeno sia prontamente disponibile nell'aria sopra il suolo, l'apporto di ossigeno nel terriccio può essere difficile. Senza aria nel suolo non c'è ossigeno, quindi anche le radici esistenti muoiono e, insieme ad esse, il bonsai.

Il problema è aggravato dal deterioramento del terriccio per bonsai nel tempo. Appena dopo il rinvaso, un buon terriccio per bonsai ha una struttura granulosa. A causa dell'influenza degli organismi nel suolo e del "congelamento" in inverno, la struttura del terriccio diventa sempre più fine nel corso di 2-3 anni. Più fine è la terra, tuttavia, minore è lo spazio per i macropori nel substrato, che viene quindi compattato dalle radici appena formate. Alla fine, nel terreno manca sempre l'ossigeno necessario e ciò costituisce un grosso problema per il bonsai.

Un altro problema sorge con il terreno compattato dei bonsai: quando le cellule della radice respirano, viene consumato ossigeno e viene prodotta anidride carbonica. Se il terreno nel vaso è denso e umido, l'anidride carbonica si dissolve nell'acqua e viene prodotto acido carbonico. Di conseguenza, il terreno si acidifica lentamente e costantemente, cosa che la maggior parte degli alberi non gradisce.

Possiamo risolvere tutti questi problemi solo rinvasando regolarmente il bonsai. La terra fine e decomposta viene sostituita da un nuovo substrato più granuloso. E in molti casi parte delle radici viene rimossa da una potatura delle stesse, creando così spazio per una nuova crescita.

Se un bonsai non viene rinvasato regolarmente, col passare degli anni si indebolirà sempre di più e prima o poi morirà. Non dovrebbe arrivare a questo punto. Inoltre, più a lungo si aspetta a rinvasare, più difficile sarà l'intervento per l'albero e per il bonsaista. È quindi spesso estremamente difficile e faticoso rimuovere il vecchio terriccio per bonsai.

Ma nessuna regola è senza eccezioni: senza rinvaso, l'intera crescita rallenta nel corso degli anni. Le distanze tra i nodi fogliari (internodi) su un germoglio si accorciano. Spesso anche gli alberi fioriscono meglio e questo può valorizzare l'aspetto invecchiato di alberi più maturi. Ciò significa che con alberi maturi a volte può essere utile rallentare un po' la crescita posticipando il rinvaso di 1 anno per tali bonsai.

Quando dovrebbero essere rinvasati i bonsai ?

La cosa più importante da tenere a mente è che un bonsai deve essere rinvasato quando il terriccio diventa troppo compatto. La compattazione del terreno aumenta principalmente a causa della crescita delle radici e del lento decadimento del terriccio per bonsai. Di conseguenza, a seconda della velocità di crescita delle radici e del tipo di terriccio per bonsai, un bonsai deve essere rinvasato dopo circa 3-5 anni.

Le giovani piante di specie arboree a crescita rapida (la maggior parte dei bonsai di acero, olmo e melo) spesso devono essere rinvasate dopo 1-2 anni. I bonsai più vecchi (in cui la modellatura è in gran parte completa) di specie arboree con crescita lenta delle radici (ad esempio bonsai di pino, larice o ginepro) possono spesso resistere 1-2 anni in più nello stesso substrato.

I bonsai che sono stati piantati in un substrato fine o a rapida disgregazione (ad esempio torba, terriccio, Akadama riutilizzato) devono essere rinvasati prima dei bonsai che si trovano in un substrato strutturalmente stabile (ad esempio scisto espanso, Akadama di alta qualità, Kiryuzuna).

A volte una salinizzazione del terriccio per bonsai (ad esempio dopo una fertilizzazione eccessiva con sali minerali nutrienti) o l'eccessiva infestazione del terriccio da parte di parassiti possono essere un motivo per il rinvaso, entrambi i casi sono però molto rari.

Come si fa a sapere se il terriccio del bonsai è compattato ?

Il modo migliore per farlo è sollevare con cautela il bonsai dal vaso. Se all'esterno del pane radicale sono visibili solo le radici, di solito è giunto il momento di rinvasare.

Se il bonsai è stato ancorato correttamente nel vaso con filo da bonsai durante l'ultimo rinvaso, sollevarlo sarà difficile. Ma ci sono altri modi per valutare la necessità di rinvasare.

  • Se un albero deciduo non viene rinvasato da 3 anni e una conifera da 5 anni, di solito è giunto il momento di cambiare il substrato.
  • Se si è acquistato un albero appena importato, di solito rimane nello stesso terreno per almeno 2 anni. Finché la maggior parte dei bonsai importati si trova in un vivaio di esportazione, vengono controllati regolarmente e di solito, durante questo periodo, non rinvasati.
  • Se l'albero cresce più lentamente di quanto sia tipico per la specie o varietà, potrebbe essere necessario rinvasare il bonsai.
  • Se il terriccio assorbe a malapena l'acqua quando il bonsai viene annaffiato, spesso il terreno del bonsai è molto compattato.
  • Se il pane radicale esce lentamente fuori dal vaso, lo stesso non è stato ancorato correttamente con il filo e in molti casi si sono già formate troppe radici. In questi casi, il rinvaso solitamente si rivela utile.
  • Se, nonostante una buona concimazione e irrigazione, il bonsai presenta foglie giallastre e ha un’esposizione ottimale, vuol dire, generalmente, che il substrato si è compattato.

Tuttavia, tutti gli argomenti elencati non dovrebbero essere seguiti in modo rigoroso, seppur al momento giusto. In altre parole, non rinvasare solo perché viene rispettata una delle condizioni. Osserviamo attentamente i nostri bonsai, analizziamo la loro crescita e solo dopo aver soppesato tutti gli aspetti importanti dovremmo prendere una decisione. Rinvasare troppo spesso può anche avere conseguenze negative. Tutti i sintomi sopra menzionati sono indicazioni di base per mettere a disposizione del principiante i fatti per decidere. Solo perché sono passati 3 anni, un bonsai di latifoglia non deve essere necessariamente rinvasato.

La questione di quando un bonsai dovrebbe essere rinvasato può anche essere intesa come una questione di stagione adatta.

Qual è la stagione migliore per rinvasare ?

Per quasi tutti i bonsai, l'inizio della primavera è il momento migliore per rinvasare. In Germania, consideriamo l'inizio della primavera intorno alla fine di febbraio-inizio marzo. Nei Paesi dell'Europa meridionale il periodo migliore può essere la fine di gennaio, nei Paesi dell'Europa settentrionale potrebbe non essere fino ad aprile. Il fattore decisivo è che l'inverno con gelate permanenti dovrebbe essere finito, l'albero dovrebbe essere in procinto di germogliare e non dovrebbe fare ancora troppo caldo.

In determinati casi si può rinvasare anche a fine estate. Alcune specie di alberi sempreverdi come i pini formeranno nuove radici. La cosa importante, in questi casi, è che il caldo di metà estate dovrebbe essere finito.

Alcune specie di alberi bonsai come i bonsai di azalee, in Asia, vengono spesso rinvasate dopo la fioritura (cioè intorno a maggio-giugno). L'umidità è molto alta e le piante crescono bene anche in questo periodo. In Europa, tuttavia, si dovrebbe rinvasare in estate solo se il bonsai può essere messo in una serra per alcune settimane per crescere riparato, dopo il rinvaso.

Perché l'inizio della primavera è il momento migliore per rinvasare la maggior parte delle specie di alberi ?

In questo momento, le piante sono ancora in letargo e difficilmente fanno evaporare l'acqua senza foglie. Di conseguenza, sopravvivono meglio alla fase di rinvaso con una parziale perdita delle radici. Le ferite alle radici che si verificano durante il rinvaso possono guarire meglio e soprattutto, prima che spuntino le foglie, possono formarsi nuovi peli radicali, che assicurano l'approvvigionamento dell'albero in estate. Se si rinvasa troppo presto, la guarigione delle ferite rallenta, se si rinvasa troppo tardi, l'apporto idrico e nutritivo dell'albero può risentirne.

Quando non si dovrebbero rinvasare i bonsai ?

Il consiglio più importante di tutti è di non rinvasare un bonsai finché non ci si è informati e soppesato tutti gli argomenti a favore e contro. C'è sempre 1 settimana di tempo per leggere, per informarsi presso un venditore di bonsai o per portare l'albero bonsai alla riunione di un gruppo di lavoro per analizzarlo insieme. Un bonsai rimarrà in un vaso per bonsai per molti anni. Tranne che nel caso di una massiccia fertilizzazione eccessiva con sali nutritivi, non sappiamo perché un bonsai debba essere rinvasato immediatamente. Ci sono sempre 1-2 settimane di tempo per chiarire tutti i dubbi.

I bonsai non devono essere rinvasati nelle seguenti circostanze:

  • Non rinvasare nel periodo sbagliato dell'anno. La piena estate di solito non è un buon momento per rinvasare, come non lo è l'inverno.
  • I bonsai prelevati dalla natura (Yamadori) dovrebbero essere rinvasati solo se nell'anno precedente hanno mostrato una crescita significativa.
  • Non rinvasare più volte all'anno. Anche con specie di bonsai a crescita molto rapida, questo non è assolutamente necessario.
  • Non rinvasare solo perché sono passati 3 anni. Se il terriccio del bonsai non è pieno di radici e per il resto va ancora bene, si può fare a meno del rinvaso.
  • Un bonsai appena acquisito non deve essere necessariamente rinvasato immediatamente. È meglio osservare prima l'albero per una fase di crescita e poi prendere una decisione.

Rinvasare i bonsai - passo dopo passo

1. Scelta del vaso per bonsai

Quando abbiamo deciso di rinvasare un bonsai, la scelta del giusto vaso per bonsai è tra le cose da fare. In molti casi, si riutilizza lo stesso vaso perché era già adeguato all’ultimo rinvaso. Ciò significa che rinvasare un bonsai non vuol dire necessariamente prendere un nuovo vaso per l'albero. Se il vaso per bonsai ha un bell'effetto ottico con il bonsai, esso va pulito e riutilizzato.

Spesso ci viene chiesto quanto dovrebbe essere più grande un nuovo vaso per bonsai rispetto a quello vecchio. La nostra risposta poterebbe sorprendervi: nella maggior parte dei casi non è necessario che sia più grande. Un vaso per bonsai più grande deve essere scelto solo se l’albero è diventato significativamente più grande e dovrebbe rimanere tale. Altrimenti viene scelto un vaso delle stesse dimensioni.

Perché ? I vasi per bonsai sono scelti in base a principi estetici. Se, per ogni rinvaso, si sceglie un vaso più grande senza una crescita del bonsai, a un certo punto si avrà uno strano effetto. Una semplice regola di base per la dimensione del vaso è: la lunghezza del vaso per bonsai dovrebbe essere circa 2/3 dell'altezza dell'albero.

Se il pane radicale è troppo grande per un vaso altrimenti adatto, esso andrà ridotto. Ciò significa che il pane radicale del bonsai è fatto per abbinarsi al vaso e non il contrario. Se non è possibile ridurre le dimensioni del pane radicale in un’unica volta come previsto, il bonsai non appartiene effettivamente al quel vaso per bonsai finale.

È possibile trovare informazioni dettagliate sulla scelta del vaso alla voce:   Scegliere il vaso per bonsai giusto

2. Scegliere il terriccio per bonsai

Quando si sente la parola “terriccio” spesso si pensa a quello che si trova in giardino: molto fine, contenente humus, spesso argilloso, con componenti marce. Questo terriccio non è adatto per i bonsai. Questo è il motivo per cui i bonsaisti esperti spesso non usano il termine terriccio per bonsai, ma parlano principalmente di substrati per bonsai. Questi di solito non vanno bene e contengono pochissimo humus e poche componenti in decomposizione.

Un bonsai spesso resta in un vaso per bonsai per molti anni senza cambiare il substrato. In questo lungo periodo di tempo, il terriccio del bonsai deve garantire un apporto ottimale di sostanze nutritive, ossigeno e acqua. Il terriccio da giardino disponibile in commercio o anche il terriccio per fiori non è adatto a questo scopo. Se si usa un terriccio così fine, il bonsai nella maggior parte dei casi ne risentirà.

Un buon substrato per bonsai dovrebbe soddisfare i seguenti requisiti: buona struttura aggregata (ventilazione) e stabilità dimensionale, buon drenaggio con elevata capacità di ritenzione idrica e sufficiente potere tamponante del pH.

I substrati per bonsai che offriamo soddisfano questi criteri. L'Akadama può essere utilizzato per quasi tutti i bonsai. La Kanuma è più adatta ai bonsai di azalee con il suo basso valore di pH. Il Kiryuzuna resta strutturalmente stabile più a lungo dell'Akadama ed è quindi preferito per i bonsai di conifere che hanno intervalli di rinvaso più lunghi. Lo scisto espanso e la pomice possono essere utilizzate in aggiunta per aumentare ulteriormente la stabilità strutturale.

Su Internet si trovano molte ricette per i terricci per bonsai secondo il seguente schema: Miscela di terreno per alberi decidui: 25% di pomice, 50% di Akadama, 25% di lapillo vulcanico; Miscela per conifere: 33% di pomice, 33% di Akadama, 33 % di lapillo vulcanico. A volte verrebbe da chiedersi perché non ci sono 2 cifre decimali. Chiunque trasmetta ricette così dettagliate dovrebbe aver esaminato scientificamente il tutto su molte migliaia di alberi usando metodi statistici. Tuttavia, gli scrittori sulla rete spesso hanno solo pochi bonsai in casa.

Se si osserva un buon terriccio per le piante (ad esempio guardandolo con una lente d'ingrandimento) si può vedere una struttura porosa e spugnosa. Ci sono molte cavità piene d'aria brulicanti di vita. Ogni substrato presente in natura è unico e altamente complesso. Ma tutti i terreni su cui le piante possono crescere bene hanno proprietà simili. Uno di questi è l'ampio spazio dei pori, esattamente ciò di cui abbiamo bisogno nel vaso per bonsai per diversi anni.

Ciò significa il 10% di scisto espanso e il 13% di pomice non sono poi così decisivi.

È molto più importante che qualunque cosa si prenda, il substrato dovrebbe essere ben drenante e strutturalmente stabile.

Sia la pomice che lo scisto espanso possono aumentare la stabilità strutturale e la permeabilità, ad esempio, dell'Akadama. Ma questo è necessario solo se l'albero deve stare in vaso per molto tempo. Tutto sommato, si può dire in generale: si prendono terricci per bonsai consolidati come l’Akadama o il Kiryu e se ne setaccia la polvere prima di rinvasare. Se il bonsai deve rimanere nel vaso per più di 3 anni, è possibile aggiungere substrati come lo scisto espanso e la pomice a piacere. Specificare percentuali esatte richiede studi dettagliati su molte migliaia di bonsai comparabili in condizioni standardizzate. Non sappiamo di nessun vivaio di bonsai in Europa che abbia condotto questo studio.

Ma è ancora più importante il fatto che i componenti fini e polverosi non giovano a un buon terreno per bonsai. Anche i componenti in decomposizione sono problematici poiché si rompono rapidamente. L’Akadama, la Kanuma o il Kiryuzuna puro e senza polvere sono adatti per quasi tutti i casi. Il tutto combinato con un concime organico come il Biogold o l’Hanagokoro - e il bonsai ringrazierà. Nel nostro vivaio bonsai abbiamo utilizzato un substrato con molta ardesia espansa per quasi tutti i bonsai (eccetto le azalee) e siamo molto soddisfatti della crescita.

Nella maggior parte dei casi, gli alberi vivono in simbiosi con i funghi micorrizici, cioè in una partnership a beneficio di entrambi i partner. Molti alberi dipendono assolutamente da questa simbiosi e non possono sopravvivere senza l'aiuto del fungo.

Se rimuoviamo gran parte del vecchio substrato, parte della micorriza andrà persa. Ciò non costituisce un grosso problema, la micorriza si formerà di nuovo nei mesi seguenti. Possiamo aiutare l'albero a ricostruire la micorriza aggiungendo la micorriza al substrato prima del rinvaso.

Una possibilità è mescolare parte (5-10% dovrebbe essere sufficiente) del vecchio terriccio per bonsai al nuovo substrato. Così facendo, però, mescoliamo il vecchio substrato decomposto e ostruiamo nuovamente e immediatamente i macropori importanti.

Un'altra possibilità è aggiungere la micorriza disponibile in commercio. Poiché è molto più concentrata, è necessario aggiungere molto meno volume, di solito circa l'1% è sufficiente (ad esempio 500 ml per 50 l di substrato per bonsai).

È possibile trovare informazioni dettagliate sul tema della micorriza alla voce:   Micorriza e bonsai

3. Mettere insieme gli accessori per il rinvaso

Quando si rinvasa un bonsai si dovrebbe lavorare velocemente in modo che i peli radicali delle radici non si secchino troppo. È quindi molto utile mettere insieme tutti gli accessori prima di iniziare il lavoro in modo da non dover interromperlo in seguito.

Di quali accessori c'è bisogno per rinvasare i bonsai ?

  • In ogni caso, è necessario un vaso per bonsai. In molti casi verrà riutilizzato il vaso attuale
  • Sono necessari terricci e substrati per bonsai e possibilmente funghi micorrizici in quantità sufficienti
  • A volte è necessario un setaccio per setacciare la polvere dai nuovi substrati
  • Le reti di copertura per i fori di drenaggio del vaso per bonsai dovrebbero essere pronte, quelle vecchie possono essere spesso riutilizzate
  • Il bonsai è spesso ancorato nel vaso con del filo, una pinza taglia filo per tagliarlo fa al caso nostro
  • Rastrello, pinzetta e paletta per radici sono molto importanti e indispensabili per rimuovere il vecchio terriccio dai bonsai
  • Uno scopino per pulire le radici si rivela molto utile
  • Per potare le radici vengono utilizzate le forbici e le pinze per bonsai
  • Per ancorare l'albero nel vaso viene utilizzato filo di alluminio per bonsai
  • Dei convogliatori sono utili per prelevare il substrato. Se si usano le mani, dovremmo avere pronti dei guanti di gomma
  • Un bastoncino di legno è utile per distribuire il terriccio per bonsai tra le radici
  • Perché le radici non si secchino durante il rinvaso, esse possono essere inumidite con un flacone spray. In caso di necessità, va bene anche un annaffiatoio a palla per bonsai
  • Ultimo ma non meno importante, spesso è necessario un annaffiatoio per annaffiare il bonsai dopo il rinvaso

4. Rimuovi l'albero dal vaso bonsai

Il rinvaso del bonsai a volte non è così facile. Soprattutto se il terriccio del bonsai è molto compatto.

Spesso, il filo di ancoraggio che tiene il bonsai ancorato al vaso deve essere prima tagliato. Per farlo, inclinare leggermente il bonsai di lato e tagliare il filo del bonsai sotto il fondo del vaso per bonsai con una pinza taglia filo.

Quindi provare a sollevare con attenzione il bonsai dal vaso. Se è bloccato molto saldamente nel vaso, si può dissodare il vecchio substrato dalla parete del vaso con un rastrello per radici o un falcetto.

Prima di rinvasare, è utile annaffiare meno il bonsai. Questo spesso rende più facile la fuoriuscita del pane radicale dal vaso.

5. Fissare la rete di copertura

Se viene riutilizzato il vecchio vaso per bonsai, ora dovrebbe essere pulito. Quindi sui fori di drenaggio vengono fissate le reti di copertura.

Per fare questo, coprire i fori di drenaggio all'interno del vaso per bonsai con una rete di copertura e fissarla, preferibilmente con filo per bonsai di alluminio.

Le reti di copertura impediscono al nostro substrato di fuoriuscire dai fori di drenaggio. Inoltre, viene impedito ad alcuni parassiti di entrare nel vaso del bonsai.

È possibile trovare istruzioni dettagliate per il fissaggio delle griglie alla voce:   Reti drenaggio - Istruzioni montaggio

6. Rimuovere il vecchio substrato per bonsai

Dopo che il bonsai è stato estratto dal vaso, il vecchio substrato per bonsai viene rimosso. Si dovrebbe essere molto più attenti e delicati con le conifere che con gli alberi decidui. Qui descriviamo la procedura per un albero deciduo con radici forti che ha riempito di radici il terriccio per bonsai.

È meglio iniziare rimuovendo muschio ed erbacce dalle radici con uno scopino. Ciò rende più facile vedere le radici superficiali e valutare come esse si siano sviluppate nell'area visibile.

Quindi il pane radicale viene accuratamente districato con una paletta o un rastrello per radici. Un rastrello è particolarmente adatto quando il pane radicale è molto compatto.

Se il bonsai non è stato rinvasato per molto tempo, è molto difficile districare la parte esterna del pane radicale. In questo caso, si possono tagliare i 2-3cm esterni dello strato radicale con una forbice per radici. In caso di radici molto ostinate, usiamo una sega e seghiamo lo strato esterno della radice. Si dovrebbe procedere con molta attenzione in quest'operazione. A volte una gran parte del pane radicale proviene da una radice spessa. Se la si taglia, può succedere che questa parte del pane sia completamente persa. A volte lo scopo è questo ma spesso no.

Non appena lo strato esterno delle radici viene rimosso, è possibile rimuovere il vecchio terriccio per bonsai dalla parte interna del pane radicale con il rastrello per radici.

Quanto vecchio substrato dovrebbe essere rimosso è difficile da stabilire. Nel caso di alberi sani con radici forti (ad esempio bonsai di olmo cinese, acero tridente), il vecchio terriccio, in molti casi, può essere completamente rimosso. Se il pane radicale è molto compatto, spesso ha senso rimuovere solo una parte e rinvasarla di nuovo dopo 1-2 anni per rimuovere il resto. Qui è davvero importante valutare correttamente il vigore dell'albero. L'obiettivo dovrebbe essere quello di sostituire completamente il vecchio substrato dopo 2-3 rinvasi.

Si consiglia spesso di lavare il pane radicale con un getto d'acqua. È un'operazione molto invasiva perché il bonsai perde tutti i suoi piccoli peli radicali e le sue micorrize. Ecco perché ne facciamo a meno, soprattutto con le conifere come pini e bonsai di larici. Nei casi più complicati, spesso è sufficiente mettere il pane radicale in acqua per alcuni minuti, dopodiché spesso è più facile districarlo.

Non appena il substrato viene rimosso parzialmente o completamente, si dovrebbe continuare a lavorare rapidamente poiché i peli radicali rimanenti si asciugano rapidamente. È meglio rinvasare in una stanza chiusa con elevata umidità (ad esempio serra, tettoia di alluminio). Nebulizzare regolarmente le radici è molto utile contro l'essiccazione.

7. Potatura delle radici

Quando il substrato viene rimosso completamente o parzialmente, si può decidere se potare le radici. Spesso sorge la domanda su come l'albero possa continuare a crescere dopo una potatura drastica delle radici. Come spesso accade nella vita, quello che conta non è la quantità ma piuttosto l'efficienza. Un bonsai non ha bisogno delle radici forti per la sua stabilità bensì è importante che ci siano molte piccole radici per l'assorbimento dei nutrienti. In questo modo, i bonsai possono prosperare bene in un vaso per bonsai per diverse centinaia di anni.

Di solito, è necessaria una potatura delle radici per alberi dalla crescita vigorosa. Con molte specie di conifere (ad esempio bonsai di ginepro, in particolare ginepro comune, pino bianco) occorrerebbe molta cautela e acquisire prima esperienza. In caso di dubbio, si dovrebbero rimuovere un po' meno radici e guardare lo sviluppo dell'albero. Se il rinvaso è efficace, quello successivo può essere anticipato un po'.

La potatura delle radici viene eseguita principalmente per creare spazio nel vaso per bonsai per un nuovo substrato e per costringere l'albero a formare molte nuove piccole radici per alimentarsi. Le radici forti non sono necessarie per la stabilità di un bonsai. Sono importanti soprattutto molte radici fini insieme ai peli radicali, anch’essi importanti. Tuttavia, questi si trovano solo all'estremità delle radici fini. Spesso ce ne sono centinaia per millimetro quadrato.

Spesso è importante fare una potatura delle radici alla base del tronco che sono visibili in superficie. Le radici esteticamente sgradevoli (ad esempio radici incrociate, radici forti che crescono verso l'esterno) vengono rimosse.

Per la potatura delle radici si dovrebbero assolutamente usare vecchie forbici da bonsai o tronchesi per bonsai. Questi strumenti si consumano rapidamente a causa di piccole pietre nel substrato. Di solito non sono più adatti per la potatura della chioma dei bonsai.

8. Posizionamento

Ora è il momento di rinvasare. Per prima cosa, il filo per ancorare il pane radicale viene fatto passare attraverso i fori per il filo sul fondo del vaso. Se non ci sono fori per il filo, si può far passare attraverso i fori di drenaggio.

Quindi mettiamo uno strato piatto del nuovo substrato nel vaso e posizioniamo il bonsai su questo strato nella posizione desiderata. Poiché l'argomento del posizionamento è molto complesso, non vogliamo approfondirlo in questa sede. Andrebbe oltre lo scopo. In molti casi, tuttavia, la posizione dell'albero non cambia molto. Se ci piaceva il bonsai prima, possiamo rinvasarlo nella stessa posizione. In ogni caso, tuttavia, l’apice dell'albero dovrebbe tendere verso l’osservatore. Di solito, un bonsai viene posizionato leggermente decentrato rispetto al vaso. Questo vale soprattutto per lo stile bonsai inclinato in vasi per bonsai ovali e rettangolari.

Se l'albero è posizionato come desiderato, viene tenuto con una mano e con l'altra mano viene riempito il vaso di tanto substrato quanto quello necessario a far sì che il bonsai si mantenga in piedi da solo. Il substrato può ora essere distribuito un po' tra le radici con un bastoncino di legno

9. Ancoraggio

L’ancoraggio del bonsai nel vaso con il filo è molto importante. Il nuovo substrato rimane ancora molto instabile per diversi mesi. Se l'albero non è ancorato correttamente con il filo, crescerà molto male a causa dei frequenti movimenti del tronco (ad esempio durante il trasporto, la potatura o l'irrigazione del bonsai). E anche se il bonsai è cresciuto bene, ancorarlo con il filo per bonsai ha un grande vantaggio: se in seguito si solleva il bonsai senza badare al tronco, il vaso non cade e non si rompe.

Per ancorarlo, il filo di alluminio precedentemente inserito attraverso i fori viene piegato attorno al pane radicale accorciato con un paio di pinze o pinze combinate ruotandolo in modo che stringa saldamente il pane radicale. Le estremità sporgenti del filo possono essere accorciate.

È meglio usare un filo di alluminio con uno spessore di almeno 1,5 mm per ancorare il pane radicale. Il diametro migliore è 2 mm, per bonsai grandi anche 2,5 mm. Se il filo è troppo sottile, si strapperà facilmente quando verrà stretto.

Il punto in cui il filo è piegato attorno al pane radicale o alle radici dovrebbe essere scelto in modo che non possa più essere visto dopo aver posto il substrato per bonsai mancante. Se si usa solo un filo, dovrebbe essere posizionato, se possibile, intorno alle radici dietro il tronco.

Il filo di ancoraggio rimane nel vaso fino al successivo rinvaso. Esso, normalmente, non disturba l'albero.

10. Riempire il vaso col substrato

Ora possiamo riempire il vaso per bonsai fino al bordo superiore con il nuovo terriccio ancora mancante e distribuirlo con cura con un bastoncino tra le radici e premerlo con decisione sulla superficie. Il substrato sul bordo del vaso per bonsai dovrebbe essere premuto un po' più in profondità del bordo del vaso in modo che il nuovo terriccio non venga lavato via dal vaso più tardi quando si annaffia con l’acqua di irrigazione e rimane dove dovrebbe, ovvero nel vaso.

Se la granulometria del substrato è molto grossa, è possibile applicare uno strato di copertura sottile (max. 1 cm) di materiale più fine. Così facendo il sottobosco sul terriccio cresce meglio. Tuttavia, durante la prima annaffiatura, parte di questo strato di copertura potrebbe essere spinto nei nostri importanti macropori. Questo può essere evitato immergendo con cura, le prime volte, il bonsai fino al bordo del vaso.

11. Immersione

Una volta che il bonsai è in vaso, dovrebbe essere annaffiato accuratamente. Andrebbe fatto con cura, altrimenti il nuovo terriccio del bonsai verrà lavato via dal vaso. Un annaffiatoio con un soffione a fori sottili è molto adatto a questo scopo. Anche un annaffiatoio a palla è l'ideale oppure è possibile immergere il bonsai. Quando s’immergono bonsai appena rinvasati con la Kanuma, si deve fare attenzione che la Kanuma non si disperda. È molto facile. Succede lo stesso se si è aggiunta molta pietra pomice.

Il bonsai andrebbe annaffiato fino a quando l'acqua non esce di nuovo dal vaso. Se il nuovo substrato sprofonda nel vaso, è consigliabile aggiungerne subito dell’altro.

12. Seguito

Dopo il rinvaso, posizionare il bonsai in un luogo riparato con il massimo dell’umidità possibile. Nelle settimane successive, verrà annaffiato solo se la superficie del substrato è chiaramente asciutta. I nuovi peli delle radici devono prima formarsi e senza peli radicali il bonsai non può comunque assorbire l'acqua. Se si annaffia troppo, il pane radicale viene costantemente raffreddato e ciò rallenta notevolmente la formazione di nuove radici. Quindi, dopo il rinvaso annaffiare con molta parsimonia.

Inoltre, non è consigliabile nebulizzare costantemente i bonsai in vaso. Se non si dispone di un sistema di nebulizzazione professionale, le goccioline sono troppo grandi e raffreddano costantemente il pane radicale, proprio come quando si annaffia. È buono un alto livello di umidità come in una serra, si sconsiglia di bagnare costantemente.

Di solito non è raccomandato neanche un ambiente ombreggiato. Se i bonsai vengono rinvasati nel periodo giusto dell'anno in primavera, il sole non è ancora troppo caldo. Il sole riscalda solo un po' il vaso, il che è effettivamente auspicabile in questa situazione. In questo modo, le nuove radici si formano più velocemente. Inoltre, molti bonsai non hanno foglie quando vengono posizionati in vaso e quindi fanno evaporare poca acqua. La protezione dal sole non è appropriata in questi casi. Nel nostro vivaio bonsai, mettiamo tutti i bonsai appena rinvasati nella serra nel punto più soleggiato possibile.

Si dovrebbe evitare di concimare il bonsai per i primi 1-2 mesi, poiché, senza peli radicali, l'albero non può assorbire il concime. Inoltre, gli alberi di solito devono germogliare prima di poter realizzare qualsiasi cosa con il concime. Concimare i bonsai solo quando sono chiaramente germogliati.


Rinvaso bonsai - esempi