Cura del Bonsai di Piracanta

Cura Impostazione Vantaggi

Cura del Bonsai di Piracanta (Agazzino)

Prendersi cura del bonsai di Piracanta è semplice. Esso germoglia abbondantemente anche dal legno vecchio e forma radici ben visibili. Anche il rinvaso, l’irrigazione e la concimazione non sono complicati, quindi il bonsai di Piracanta può essere considerato un buon bonsai per principianti.

Brevi note sulla Cura del bonsai di Piracanta:

  • Concimazione: Se si desidera una forte crescita nella fase di coltivazione, si consiglia un concime per bonsai ricco di azoto come il Biogold o l’Hanagokoro. Nel bonsai definito, la formazione di fiori e frutti può essere migliorata aggiungendoconcimi per bonsai liquidi che contengono poco azoto.
  • Annaffiatura: Un bonsai di Piracanta dovrebbe essere tenuto umido in modo uniforme. Soprattutto in primavera e all'inizio dell'estate, durante la fioritura e la maturazione dei frutti. In inverno, sotto una tettoia o in una serra, la Piracanta ha bisogno di minore irrigazione a causa dell'alto tasso di umidità.
  • Svernamento: Uno svernamento in un luogo luminoso e molto fresco a temperature di 0-5°C è ottimale. Dovrebbero essere evitate solo le forti gelate permanenti che durano molti giorni.
  • Rinvaso: Ogni 3-4 anni, i bonsai di Piracanta con una lieve potatura delle radici vengono rinvasati in un terriccio per bonsai ben drenante come l’Akadama. Il momento migliore è l'inizio di marzo.


Concimazione | Annaffiatura | Esposizione | Svernamento | Rinvaso | Malattie, Parassiti | Riproduzione


Concimazione

Ai bonsai di Piracanta vengono somministrati i soliti fertilizzanti per bonsai durante la stagione vegetativa, da marzo ai primi di settembre. Spesso si sconsiglia di concimare prima e durante la fioritura. In base alla nostra esperienza, non possiamo registrare alcuna influenza da parte del concime durante la fioritura (ad esempio la caduta fiori).

Tuttavia, è da notare che se si desidera una crescita rapida, si consiglia un concime per bonsai ad alto contenuto di azoto (ad esempio il Biogold o l’Hanagokoro). Se si apprezza la fioritura abbondante e la frutta appesa, un concime a basso contenuto di azoto dovrebbe essere somministrato già da giugno. Tutti i concimi liquidi per bonsai sono adatti a questo scopo. Questi fertilizzanti liquidi sono a basso contenuto d’azoto (principalmente il 3%).

A inizio autunno può essere utilizzato della Kali-Magnesia, della farina d'ossa o della farina di pesce. Non è necessario concimare durante l’inverno.

Annaffiatura

Un bonsai di Piracanta mediterraneo dovrebbe essere annaffiato uniformemente, in modo che il substrato del bonsai non si asciughi mai completamente. Una Piracanta può resistere a brevi periodi di siccità. Tuttavia, ciò dovrebbe essere evitato, soprattutto in primavera, poiché altrimenti i fiori e i frutti potrebbero cadere e le foglie potrebbero appassire.

In inverno, un bonsai di Piracanta deve essere annaffiato molto meno, soprattutto se viene svernato in una serra non riscaldata o in sotto una tettoia di alluminio che presentano un alto tasso di umidità.

Se una Piracanta fiorisce, assicurarsi che i fiori non vengano bagnati durante l'irrigazione. Se i fiori si bagnano troppo spesso, la fruttificazione ne può risentire.

Esposizione

I bonsai di Piracanta non dovrebbero essere tenuti in casa e trattati come bonsai da interno. Appartengono alle piante da serra fredda (bonsai del Mediterraneo) e una posizione in pieno sole e semi-ombreggiata (in piena estate) è benefica per la fioritura e la fruttificazione.

La migliore esposizione in inverno dovrebbe essere luminosa e molto fresca. In inverno una serra fredda con un elevato tasso di umidità è la soluzione ottimale. Le temperature inferiori a 0°C per un breve periodo sono meglio tollerate rispetto a un luogo buio e caldo della casa.

Svernamento

Un bonsai di Piracanta mediterranea (Pyracantha coccinea) può essere svernato bene in una serra non riscaldata o in una serra normale. Qui tollera temperature fino a -5°C. I primi danni danno si verifica solo da -10°C, ciò vuol dire che l’albero dovrebbe essere protetto dal gelo durante i lunghi periodi di gelate. Potrebbe quindi essere necessario riscaldare la serra per 1-2 settimane.

Lo svernamento seppure nella stanza di casa più fresca possibile è appropriato solo durante brevi periodi di gelo permanente. Non appena il periodo delle gelate è finito, è meglio porlo nella serra fredda.

Le Piracanta (Pyracantha angustifolia) importate dall'Asia devono essere mantenute un po' più al caldo nel periodo invernale. Qui le temperature non dovrebbero scendere mai al di sotto di -2 a -3°C.

Rinvaso

La Piracanta ha bisogno di un terriccio per bonsai permeabile all'acqua e all'aria come l’Akadama. Spesso viene aggiunto del substrato organico per migliorare la fioritura. In base alla nostra esperienza non è necessaria alcuna miscela di terricci, poiché i bonsai di Piracanta fioriscono abbondantemente anche nell’Akadama pura.

I bonsai di Piracanta più vecchi vanno rinvasati ogni 3-4 anni. I bonsai più giovani vanno rinvasati un po' più spesso. Il momento migliore per rinvasare è l'inizio di marzo. Una potatura delle radici è possibile, ma non dovrebbe essere troppo drastica. La rimozione del 20-30% delle radici non costituisce un problema.

Malattie, Parassiti

Con la dovuta cura, i bonsai di Piracanta non sono molto sensibili a parassiti e malattie. A volte può verificarsi un'infestazione da afidi, che può essere trattata bene con pesticidi disponibili in commercio contro gli insetti succhiatori. L'infestazione da afidi si verifica soprattutto quando la concimazione è molto ricca di azoto. Gli afidi amano e hanno bisogno di azoto.

La Piracanta è una delle piante che possono essere colpite dal Colpo di Fuoco Batterico, ma succede molto raramente. A tal proposito, non abbiamo mai sentito parlare di nessun caso di bonsai di Piracanta affetto da tale malattia negli ultimi 20 anni. Il Colpo di Fuoco è una malattia batterica e non un fungo, come spesso si legge. Di conseguenza, il trattamento con agenti antifungini non ha successo. In caso di attacco, il albero bonsai deve essere immediatamente distrutto.

Riproduzione

La Piracanta può essere riprodotta tramite semi, talee e margotta. Le piantine di Piracanta sono disponibili anche in tutti i mercati di fiori o nei vivai in molte varietà. Poiché la coltivazione dai semi degli alberi è complicata, è consigliabile acquistare piante giovani.

Formazione e impostazione della Piracanta come Bonsai

Le specie di Piracanta (Pyracantha) sono ideali per l’impostazione a bonsai da fiore poiché interessanti e appariscenti. Già in primavera, i bonsai di Piracanta attirano l'attenzione con i loro lussureggianti fiori bianchi, seguiti da una miriade di frutti nei mesi estivi. In autunno, a seconda della varietà, le bacche cambiano il loro colore dal giallo brillante al rosso intenso. I frutti di solito rimangono sull'albero per molto tempo.

Quali sono i vantaggi di una Piracanta nell’impostazione a bonsai ?

  • I bonsai di Piracanta sono bonsai da fiore molto attraenti con i loro fiori bianchi in primavera.
  • A seconda della varietà, i frutti gialli, arancioni o rossi rendono una Piracanta l’attrazione principale in una collezione di bonsai.
  • Il frutto rimane a lungo sul albero bonsai. Ciò significa che potete godervi un bonsai di Piracanta anche nel tardo autunno fino all'inverno.
  • Una Piracanta può essere impostata come un bonsai anche con la sola potatura.
  • Dopo una potatura, questo tipo di bonsai germoglia bene e rapidamente, e ciò lo rende un buon bonsai per i principianti.
  • La corteccia del bonsai di Piracanta adulto è scura e leggermente a placche. Ciò conferisce al bonsai un aspetto gradevole.
  • Una Piracanta forma rapidamente un grosso tronco.
  • Essendo un bonsai sempreverde da serra fredda, d’inverno non perde le sue foglie relativamente piccole.

L’impostazione della Piracanta come Bonsai in breve:

  • Applicazione del filo: Ai bonsai di Piracanta può essere applicato il filo, ma è complicato. Da un lato, le spine disturbano, i rami duri si spezzano facilmente quando piegati e le foglie della Piracanta disturbano durante il procedimento. Ai principianti si consiglia la progettazione di un bonsai solo attraverso la potatura.
  • Potatura: I bonsai di Piracanta non dovrebbero essere potati troppo tardi durante l'anno, altrimenti rimuoverete gran parte dei boccioli di fiori. Poiché la Piracanta germoglia bene anche sul legno vecchio dopo una potatura drastica, la potatura di questo bonsai è semplice.


Filatura | Potatura | Stili | Vasi abbinate | Fiori, Frutti | Corteccia, Radici | Varietà | Informazioni generali


Filatura, Applicazione filo

I bonsai di Piracanta possono essere impostati molto bene anche solo attraverso la potatura. Ma l’applicazione del filo consente un’impostazione molto più precisa. Pertanto, anche con una Piracanta, l’applicazione del filo dovrebbe essere presa in considerazione questa tecnica d’impostazione.

Tuttavia, è necessaria cautela quando si applica il filo per bonsai a una Piracanta. Innanzitutto, i rami diventano rapidamente duri e fragili e così si spezzano facilmente quando si mette il filo. D'altra parte, ci si può pungere con le spine. Poiché la Piracanta è sempreverde, anche le foglie disturbano un po' durante il procedimento.

Il modo migliore per applicare il filo bonsai è defogliare la pianta. Ma è anche possibile non farlo. È meglio applicare il filo ai nuovi germogli alla fine dell'estate, in quel momento non sono ancora troppo duri e il filo può rimanere sul bonsai fino alla primavera successiva.

Per rimuovere il filo bonsai è meglio usare una pinza taglia filo per bonsai. È un buon modo per tagliare il filo in piccoli pezzi e poi rimuoverlo.

Potatura

La maggior parte delle varietà di Piracanta ha foglie piccole e, come bonsai, tollera molto bene una potatura delle radici. È possibile usare un paio di forbici affilate per bonsai o una tronchese concava per potare di nuovo la Piracanta e intervenire persino sulla legna vecchia. Le piante, poi, genereranno nuovi germogli senza problemi. Questo rende facile la crescita compatta.

Quando coltivati in pieno campo o in contenitori per alberi più grandi, se non vengono potati e gli viene somministrata una buona concimazione, in estate i germogli cresceranno rapidamente. In questo modo, è possibile creare rapidamente un nuovo ramo principale o ottenere spessore sul tronco attraverso rami di sacrificio. Le varietà con foglie più piccole di solito crescono un po' più lentamente.

Se l’anno prossimo si auspicano molti fiori e frutti, non potate troppo drasticamente né troppo tardi. Se si pota troppo a luglio-agosto, spesso si rimuovono molti dei boccioli.

Eventuali germogli che si formano nella parte bassa del tronco o nei pressi delle ferite sul tronco devono essere rimossi immediatamente. Possono essere rimossi facilmente.

Stile

Lo stile a scopa rovesciata non è adatto per i bonsai di Piracanta. Questo tipo di bonsai è di solito impostato in stile eretto informale (Moyogi) o nello stile inclinato (stile Shakan). Ma lo stile semi-cascata, forse anche lo stile cascata, è adatto, soprattutto se la Piracanta porta molta frutta.

Vasi per bonsai adatti

Il tuo bonsai di Piracanta con i suoi fiori bianchi e frutti colorati rende al meglio in un vaso per bonsai smaltato. In caso di frutti rossi, i vasi per bonsai in una tonalità di blu (colore complementare) fanno al caso nostro. I bonsai di Piracanta appartengono al gruppo di bonsai da serra fredda, che sopportano anche le gelate leggere. Pertanto, se possibile, scegliete un vaso per bonsai fatto a mano e resistente al gelo. In base alla nostra esperienza, i vasi per bonsai economici (realizzati per bonsai da interno) sono resistenti al gelo quasi al 100%. Con questi vasi, tuttavia, la resistenza al gelo non può essere garantita al 100%.

I vasi per bonsai non smaltati sono meno adatti, ma non sono da escludere. Se non smaltato, il colore dovrebbe corrispondere a quello dello stelo scuro. Vasi non smaltati grigio scuro o marrone scuro sarebbero adatti in alcuni casi. Per i bonsai giapponesi più grandi, vasi adatti si trovano cliccando sul link Vasi per bonsai di grandi dimensioni.

I bonsai di Piracanta, con la loro chioma arrotondata, si adattano abbastanza bene a un vaso per bonsai ovale. Sono adatti anche vasi per bonsai rettangolari, specialmente se gli angoli sono piuttosto arrotondati. Vasi per bonsai più alti e rotondi sono particolarmente adatti per i bonsai di Piracanta in stile semi-cascata o cascata. I vasi piatti dovrebbero essere evitati. La Piracanta ama un po' più di substrato nel vaso. I sottovasi non sono necessari perché i bonsai di Piracanta non dovrebbero essere posizionati in casa.

I vasi bonsai di plastica sono adatti ai pre-bonsai in fase di coltivazione. Il colore marrone scuro dei vasi non si abbina perfettamente al tronco di una Piracanta. Ma questi vasi di plastica sono resistenti al gelo e ai raggi UV. Per le giovani piante di 2-3 anni in fase di coltivazione, è meglio utilizzare vasi per piante di plastica.

Fiori, Frutti

Sia i gruppi di fiori bianchi in primavera che i frutti (a seconda della varietà gialli, arancioni o rossi) sono molto interessanti. I frutti rimangono sull'albero per molto tempo (se non vengono mangiati dagli uccelli).

Corteccia, Radici

La corteccia della Piracanta è grigia su un albero giovane. Nella vecchiaia, il tronco diventa più scuro e un presenta delle placche, ed è particolarmente adatta a un bonsai.

Varietà, Sottospecie di Piracanta

La Piracanta ha una moltitudine di varietà diverse con frutti di colore diverso. Spesso è difficile determinare le varietà esatte.

Vengono utilizzati principalmente due tipi di bonsai: Pyracantha angustifolia dalla Cina e Pyracantha coccinea (Piracanta mediterranea) dall'Europa meridionale. La Piracanta mediterranea è un po' più resistente all'inverno della Pyracantha angustifolia. Altrimenti, entrambi i tipi sono adatti come bonsai.

Informazioni generali

La Piracanta (botanico Pyracantha) appartiene alla famiglia delle rose (Rosaceae, famiglia dei frutti di pomo). In natura è un piccolo arbusto sempreverde, densamente ramificato, con un'altezza fino a 5 metri. La crescita non è troppo intensa.

Il genere Pyracantha comprende circa 10 specie di alberi che si trovano in foreste sparse o bordi di foreste dall'Europa meridionale alla Cina. Il nome Pyracantha deriva da Pyros (fuoco) e Acanthos (spina) e indica i frutti rossi e la presenza di spine appuntite.