Bonsai di Pino bianco - Potatura

Perché un bonsai di pino bianco deve essere potato ?

La potatura del bonsai di pino bianco serve principalmente a tenere sotto controllo il vigore e, oltre all'applicazione del filo, è la tecnica più importante dell'impostazione dei bonsai. Senza potatura, la qualità del bonsai si deteriora rapidamente. Questo deve essere preso in considerazione quando ci si prende cura dei bonsai.

Il bonsai di pino bianco giapponese (Pinus parviflora o Pinus pentaphylla) cresce principalmente sull'esterno della corona. Le aree interne e specialmente inferiori della corona del albero bonsai si indeboliscono (a causa della mancanza di luce) e di solito prima o poi muoiono.

Questo è un processo perfettamente normale per un bonsai di pino bianco. L'albero vuole crescere verso l'alto, svilupparsi rapidamente in modo da non essere ombreggiato dal sottobosco o da altri alberi. Se ciò accade, vuol dire che manca il sole per crescere. E se manca la luce, si verifica meno fotosintesi. L'albero cresce più lentamente e il problema (ombreggiatura di altri alberi) si aggrava sempre di più. A un certo punto, all'ombra il pino bianco muore.

Per evitare che ciò accada, il pino bianco deve svilupparsi rapidamente verso l'alto. Per far sì che ciò succeda, il pino bianco, come la maggior parte degli alberi, impiega tutte le sue energie per la crescita delle aree superiori della corona. Allo stesso tempo, viene trascurata la crescita delle aree inferiori e i germogli all'interno della corona.

Questa differenza nel vigore è determinata dagli ormoni vegetali. Gli ormoni vegetali si formano principalmente nei germogli e vengono trasportati verso il basso nello stelo. Lì gli ormoni inibiscono la germogliazione di ulteriori gemme. L'albero non vuole impiegare energia nei germogli che ricevono troppa poca luce dalla propria corona o da altre piante.

Questa soppressione dei germogli nella zona inferiore è denominata dominio apicale, cioè l'apice (la punta) domina (controlla) tutto ciò che si trova al di sotto di esso. Tutti i pini sono "dominanti apicali" forti.

Il dominio apicale, che è buono per la sopravvivenza dei pini nella foresta, può diventare un problema per i nostri bonsai di pino bianco. Qui vogliamo una corona densa e finemente ramificata. Le aree inferiori non devono indebolirsi lentamente. Ne abbiamo bisogno (principalmente) per un'impostazione equilibrata del bonsai.

Allo scopo di ottenere una corona finemente e densamente ramificata, in un albero bonsai è molto importante controllare la normale crescita e soprattutto governarla. Dobbiamo spezzare (o sopprimere) il dominio apicale e dirigere l'energia verso le aree che sono importanti per l'impostazione del nostro bonsai. Se avremo successo, allora l'albero si svilupperà come desideriamo.

Prima della potatura

Prima di potare il bonsai di pino bianco, dovreste riflettere sulla sua forma futura. Il bonsai di pino bianco mostrato qui ha una corona rada e irregolare. Per renderla più fitta e più uniforme, dobbiamo tagliare tutto ciò che cresce al di fuori della linea rossa.

Come potare ?

La cosa più importante, quando si pota un bonsai di pino bianco, è controllare la crescita del bonsai. Ciò significa che dobbiamo indebolire le aree in crescita della corona (superiore ed esterna) in modo che le aree inferiore e interna ottengano più luce e non si restringano.

Bonsai di pino bianco (Pinus pentaphylla) prima della potatura
⧉ Prima della potatura

Una tale potatura del pino bianco spesso può essere eseguita solo nel corso degli anni.

Perché potare a tappe ?

Con molte specie decidue, se lo si desidera, la corona può essere tagliata in modo estremamente radicale in un solo passaggio (ad esempio bonsai di azalea o olmi cinesi). Di solito gli alberi decidui esplodono e spesso dopo pochi mesi hanno una corona finemente ramificata.

Ciò non vale per i pini bianchi. Se vengono tagliati tutti gli aghi e le gemme alla fine di un germoglio, molto probabilmente questo germoglio morirà. Ciò significa che dobbiamo procedere lentamente e gradualmente.

Innanzitutto, vanno selezionati i germogli o le aree forti. Questi possono e devono essere ridotti maggiormente. Le aree deboli spesso non vengono affatto potate nella prima fase. Solo quando sono diventati più forti nel tempo possono anche essere ridotti in modo da diventare più densi e formare bellissimi gruppi di aghi.

Quando si riducono i germogli forti (aree), si può procedere in diversi modi:

  • 1. Rimuovere le gemme forti al termine dell'inverno
  • 2. Accorciare i germogli giovani più forti dopo la germogliazione
  • 3. Rimuovere completamente i singoli germogli giovani
  • 4. Accorciare parzialmente le parti di ramo più vecchie
  • 5. Accorciare o rimuovere gli aghi

Rimozione delle gemme forti

Alla fine dell'inverno, i nuovi germogli sono chiaramente visibili sui rami dei pini. Di solito ci sono diversi germogli che crescono vicini. Il germoglio medio è di solito significativamente più spesso dei germogli che lo circondano. Questa gemma può essere facilmente rimossa con le dita prima di germogliare. Se il ramo dovesse ulteriormente indebolirsi, è possibile staccare ulteriori gemme. Le gemme più forti vengono sempre rimosse per prime.

Accorciamento dei germogli giovani più forti

Le rimanenti gemme spuntano quindi in primavera e, a seconda del tipo di pino e del suo vigore, crescono rapidamente. Queste giovani candele possono essere facilmente spezzate con le dita poco dopo che sono spuntate. Alcune settimane dopo, sarà necessario un forbici per bonsai per accorciare i germogli.

Anche qui si segue lo stesso schema: ciò che è forte viene accorciato più intensamente, le candele deboli sono accorciate di poco o rimangono intatte nelle aree più deboli.


Rimozione completa dei singoli germogli giovani

Una volta che le candele si sono sviluppate, è possibile accorciare o addirittura rimuovere i germogli giovani forti. È spesso utile lasciare 2-3 paia di aghi e rimuoverli solo quando si sono formati nuovi germogli nella parte interna del ramo.

In aree molto forti della corona del pino, talvolta è necessario rimuovere l'intero nuovo germoglio (linea rossa nell'immagine 3, entrambe le candele vengono rimosse).


Accorciamento parziale delle parti di ramo più vecchie

Se la rimozione di interi germogli giovani non è sufficiente per rallentare i rami forti, anche un'intera parte del ramo può essere tagliata. Ma è sempre necessario tenere a mente che i rami senza aghi in salute finiscono per morire. Ciò vuol dire che se un ramo deve essere mantenuto a lungo termine, devono ancora rimanere alla fine alcuni ciuffi di aghi in salute.

Accorciare o rimuovere gli aghi

Come si può vedere nell'immagine 5 seguente, anche un'area in rapida crescita può essere indebolita tagliando gli aghi.

Dopo aver parzialmente o completamente tagliato le candele di pino, i ceppi di candela spesso sanguinano pesantemente. Dopo 1 minuto, sul taglio si è formata una goccia di resina chiaramente visibile. Se ciò succede con una candela non c'è nessun problema. Se vengono tagliati da grandi pini centinaia di germogli, questa operazione può costare molto all'albero. Un taglio a passi parziali nell'arco di 2-3 mesi sarebbe quindi preferibile.