Cura del Bonsai di Melo

Bonsai Melo: Grande fioritura, Frutti delicati ✅ Forte crescita, Facile cura ✅ Cura dei bonsai e Formazione ✅

Cura dei Bonsai di Melo

Il melo (Malus) è un albero perfetto per essere impostato come bonsai. I vantaggi del bonsai di melo, in particolare del melo ornamentale, come bonsai sono: forte crescita, grande fioritura, frutti delicati. Il melo bonsai è ottimo per i principianti. Nello specifico, le specie di melo adatte all’impostazione bonsai sono: melo selvatico (Malus sylvestris) e diversi tipi di melo ornamentale (ad esempio Malus toringo = Mela giapponese, Malus halliana, Malus cerasifera).

Brevi note sulla Cura dei bonsai di Melo: Concimazione: Abbondanza di fertilizzante da marzo a settembre, Irrigazione: Ha bisogno di molta acqua, Svernamento: Tollera le temperature più basse nella tenda del plastica, Rinvaso: Rinvasare in un terreno bonsai ben drenato all'inizio di marzo


Concimazione | Annaffiatura | Esposizione | Svernamento | Rinvaso | Malattie, Parassiti | Riproduzione


Concimazione

Durante la fase di formazione del bonsai, concimiamo le piante con un fertilizzante minerale. In questo modo, le piante crescono di ben 1 metro all'anno nel vaso da coltivazione e gli spessori aumentano gradualmente.

Per il bonsai, soprattutto se si suppone che abbia fiori e frutti, è fondamentale anche una buona concimazione. In questo caso, consigliamo un concime per bonsai più equilibrato. I concimi liquidi per bonsai disponibili in commercio fanno al nostro caso. In estate si consiglia di somministrare il doppio di quanto indicato sul flacone.

Anche i concimi in granuli provenienti dal Giappone come Biogold e Hanagokoro sono molto adatti a questo scopo. Se si spingono un paio di granuli nel terreno ogni 4-6 settimane (su 5x5cm 1 granulo) si garantisce una concimazione equilibrata per un bonsai di melo.

Annaffiatura

D’estate, i bonsai di melo hanno bisogno di molta acqua, soprattutto quando hanno i frutti. I meli superano, anche se malvolentieri, le carenze idriche. Nel periodo di fioritura, i fiori dei bonsai di melo non devono essere bagnati durante l’annaffiatura. In caso contrario, i fiori si rovinano rapidamente e la fruttificazione risente di un’impollinazione non efficace.

Esposizione

L’esposizione migliore è il pieno sole. I bonsai di melo hanno bisogno di molta luce, soprattutto se devono produrre frutti. Tollerano il caldo sia in estate che in inverno, così come le gelate intense. Sono resistenti anche al vento.

Svernamento

Il bonsai di melo è estremamente resistente. Se viene messo in serra fredda non si presentano problemi. Anche a temperature di -20°C non abbiamo mai riscontrato danni dovuti al gelo. In alternativa, in autunno il bonsai di melo può essere posto in giardino. Scegliete un posto ombreggiato e riparato.

Attenzione: nel periodo invernale, a volte, i topi rosicchiano la corteccia. È meglio controllare regolarmente.

Rinvaso

Un bonsai di melo dovrebbe essere rinvasato all'inizio di marzo, appena prima della germogliazione. Rinvasiamo prebonsai di melo ogni anno. La crescita delle radici è forte e solo allora si può ottenere un buon attecchimento delle radici e una buona radicazione capillare. I bonsai di melo più vecchi, di solito, vengono rinvasati ogni 3 anni. Durante il rinvaso, viene eseguita una potatura delle radici. Spesso, viene rimosso un terzo o metà delle radici (se necessario). I bonsai di melo sani resistono senza problemi a una potatura drastica.

L’Akadama è adatto come terriccio per bonsai. Con bonsai di melo di dimensioni maggiori la granulometria media è adatta a garantire una buona permeabilità all'acqua e all'aria. In alternativa, è possibile miscelarlo con un substrato per bonsai come lo scisto espanso.

Malattie, Parassiti

Sui bonsai di melo i casi di infestazione da oidio sono più frequenti. Esso può essere facilmente combattuto spruzzando una soluzione con zolfo in polvere o solfato di rame. Quando la concimazione è ricca di azoto, nella stagione vegetativa compaiono spesso degli afidi. L’infestazione si può combattere con un insetticida spray commerciale contro gli afidi. Di solito, è sufficiente un'applicazione nell’arco di un anno.

Riproduzione

La propagazione tramite semi è semplice. I semi di melo non dovrebbero essere seccati, poiché perdono la capacità di germinazione. La stratificazione dei semi degli alberi posti nella sabbia umida e in frigorifero a 4-6 ° C, dopo 2-3 mesi in un vaso per piante giardino, produce solitamente una grande percentuale di germogli. Tuttavia, le diverse specie e varietà di meli sono geneticamente molto variabili. Basti pensare al numero di cromosomi che varia notevolmente in ogni specie. Ad esempio il Malus halliana, albero adatto alla coltivazione bonsai, ha tra 34 e 49 cromosomi. Di conseguenza, i meli sono molto variabili nelle loro proprietà, il che implica che se si utilizza il seme di un melo ornamentale ricco di fiori e resistente agli attacchi fungini come il malbianco, può nascere una piantina, che viene regolarmente colpita dal malbianco e ha pochissimi fiori. È meglio acquistare una giovane pianta adatta alla coltivazione bonsai in un vivaio specializzato con caratteristiche appropriate. Queste piante sono generalmente riprodotte attraverso moltiplicazione vegetativa, dunque presentano tutte le caratteristiche della pianta madre.

Inoltre, la propagazione per talee funziona abbastanza bene. Ecco il vantaggio: le piante giovani corrispondono, nelle loro proprietà, alla pianta madre. Spesso, alcune specie o varietà di melo vengono anche innestate o innestate ad occhio. Il portinnesto è quindi solitamente un Malus sylvestris, il melo selvatico.

Formazione e impostazione di Bonsai Melo

Brevi note sulla Impostazione dei bonsai di Melo: Filatura: I rami possono essere facilmente piegati dopo applicazione del filo, Potatura: Non rimuovere troppo i rami corti con boccioli di fiori


Filatura | Potatura | Stili | Vasi bonsai adatto | Fiori, Frutti | Corteccia, Radici | Informazioni generali | Varietà


Filatura, Applicazione filo

I rami di un bonsai di melo sono piuttosto elastici. Durante l’applicazione del filo non dovete avere paura che un ramo si rompa facilmente. Ma dopo aver rimosso il filo, i rami tendono a tornare alla loro forma originale. Pertanto, il filo dovrebbe rimanere sull'albero il più a lungo possibile.

Per questo motivo è consigliabile applicare il filo bonsai a un melo solo all'inizio dell'estate (fine maggio - fine giugno). Il vantaggio è che, poiché lo spessore aumenta lentamente, il filo può rimanere più a lungo sull'albero prima che esso debba essere tolto dal bonsai. In estate, il germoglio sagomato può lignificare e indurirsi. Se il filo non lascia il segno, può rimanere sull'albero almeno fino all'autunno. Lo svantaggio è il seguente: in estate, le foglie interferiscono con l'analisi della struttura del ramo e con il posizionamento del filo stesso. Poiché i bonsai di melo sani hanno molti germogli, è possibile defogliarli. In seguito, la germogliazione sarà migliore. L'albero, d’estate, produce rapidamente i germogli e di solito ottiene anche foglie più piccole e una ramificazione più fine.

A causa della corteccia liscia, consigliamo di utilizzare un filo di alluminio per un bonsai di melo. Non è così rigido e con i diametri maggiori non esercita una pressione forte come il filo di rame. Nei giorni precedenti all’applicazione del filo, è consigliabile annaffiare poco l'albero. Così facendo, i rami saranno più flessibili e potranno essere modellati meglio.

Potatura

I bonsai di melo crescono molto velocemente, soprattutto in fase di formazione. I germogli risultanti possono essere tagliati sia in estate che nel periodo di riposo vegetativo. Durante la fase di coltivazione, le ferite da incisione più grandi non devono necessariamente essere curate con paste cicatrizzanti. Per i bonsai in fase di coltivazione più avanzata, questa procedura è però consigliabile.

I fiori crescono sugli alberi di melo soprattutto sui germogli corti. I boccioli si formano da giugno a luglio, il che implica che se volete avere molti fiori l'anno successivo, non bisogna tagliare troppi germogli tardivamente. Nell’impostazione, è meglio far vegetare 1 o più rami di sacrificio, che saranno rimossi in autunno. I germogli corti saranno lasciati in gran parte integri.

Per potare i bonsai di melo, avrete bisogno di una tronchese concava ben affilata o anche di una tronchese convessa. La potatura con la forbice per bonsai non è ottimale perché i germogli, generalmente, sono molto spessi e forti.

Stile

La maggior parte degli stili di bonsai è fattibile e credibile.

I bonsai di melo sono generalmente impostati in stile eretto informale o stile inclinato.

Anche gli stili a semi-cascata (Han-Kengai), cascata (Kengai) o a doppio tronco (Sokan) e gemini tronco (Soju) sono possibili e adatti al melo. È possibile anche un’impostazione a scopa rovesciata.

Attraverso una vigorosa crescita delle radici, è possibile impostare anche lo stile "bonsai su roccia" (Seki-Jo-Ju). In caso di piccoli bonsai con una piccola roccia, questa sarebbe rapidamente ricoperta dalle radici.

Bonsai melo ornamentali con frutti (Malus)
Bonsai melo ornamentali con frutti

Vasi bonsai adatto

I vasi per bonsai smaltati sono l'ideale per i bonsai di melo, con i loro fiori e frutti che pendono dall’albero. Trattandosi di bonsai da esterno resistenti alle temperature rigide, la cosa migliore è scegliere un vaso per bonsai fatto a mano che sia resistente al gelo. Secondo la nostra esperienza, i vasi per bonsai economici (realizzati per i bonsai da interno) sono resistenti al gelo quasi al 100%. Tuttavia, per questi vasi, non garantiamo la resistenza al gelo assoluta.

I vasi per bonsai non smaltati sono generalmente meno adatti, ma non sono da escludere. Se non sono smaltati, il colore non dovrebbe essere troppo scuro. Anche i vasi grigi non smaltati possono fare al caso nostro. Troverai vasi adatti ai bonsai giapponesi più grandi al link Vasi grandi per bonsai.

I bonsai di melo, con la loro chioma tondeggiante, si adattano molto bene a un vaso per bonsai ovale. Sono adatti anche vasi da bonsai rettangolari. Tra i vasi rettangolari, ne sceglieremo uno che abbia angoli leggermente arrotondati o possibilmente con piedini aggraziati. I vasi per bonsai più alti e rotondi sono particolarmente adatti per i bonsai di melo impostati con lo stile semi-cascata o a cascata, mentre i vasi piatti e rotondi sono adatti allo stile litterati. I sottovasi non sono necessari perché i bonsai di melo non dovrebbero essere tenuti in casa.

Vasi adatte per pre-bonsai in fase di cultivatione sono i vasi in plastica per bonsai. Il colore marrone scuro dei vasi non si adatta molto bene al tronco grigio di un bonsai di mele. Tuttavia, questi vasi bonsai in plastica sono assolutamente resistenti al gelo e stabili ai raggi UV. Per le piantine di 2-3 anni in coltivazione, è meglio prendere vasi di piante in plastica.

Vasi bonsai adatto

I vasi per bonsai smaltati sono l'ideale per i bonsai di melo, con i loro fiori e frutti che pendono dall’albero. Trattandosi di bonsai da esterno resistenti alle temperature rigide, la cosa migliore è scegliere un vaso per bonsai fatto a mano che sia resistente al gelo. Secondo la nostra esperienza, i vasi per bonsai economici (realizzati per i bonsai da interno) sono resistenti al gelo quasi al 100%. Tuttavia, per questi vasi, non garantiamo la resistenza al gelo assoluta.

I vasi per bonsai non smaltati sono generalmente meno adatti, ma non sono da escludere. Se non sono smaltati, il colore non dovrebbe essere troppo scuro. Anche i vasi grigi non smaltati possono fare al caso nostro. Troverai vasi adatti ai bonsai da giardino più grandi al link Vasi grandi per bonsai.

I bonsai di melo, con la loro chioma tondeggiante, si adattano molto bene a un vaso per bonsai ovale. Sono adatti anche vasi da bonsai rettangolari. Tra i vasi rettangolari, ne sceglieremo uno che abbia angoli leggermente arrotondati o possibilmente con piedini aggraziati. I vasi per bonsai più alti e rotondi sono particolarmente adatti per i bonsai di melo impostati con lo stile semi-cascata o a cascata, mentre i vasi piatti e rotondi sono adatti allo stile litterati. I sottovasi non sono necessari perché i bonsai di melo non dovrebbero essere tenuti in casa.

Fiori, Frutti

La maggior parte delle specie di melo presenta fiori bianchi o leggermente rosa. I fiori di alcune varietà di melo ornamentale sono persino rossi. I meli ornamentali che offriamo, spesso fioriscono così abbondantemente in aprile che la ramificazione è appena visibile. Inoltre, i fiori hanno un odore molto gradevole.

Nella maggior parte dei casi, i bonsai di melo, anche le varietà di melo ornamentale, presentano molti frutti. La maggior parte dei bonsai sono meli ornamentali con frutti molto piccoli di dimensioni di 1 cm, massimo 2 cm. Essi sono molto armoniosi sui piccoli bonsai. Le mele restano appese all'albero anche in autunno inoltrato, spesso fino alla primavera dell'anno successivo. Anche i bonsai più piccoli hanno spesso 50 o più frutti. Poiché essi consumano molta energia dell'albero, è consigliabile non lasciare troppi frutti. 20-30 mele sono un buon compromesso. La fruttificazione sulle piantine bonsai inizia dall’età di 10-12 anni.

Corteccia, Radici

La corteccia è di solito molto liscia, quindi dovete stare attenti che il filo non la danneggi troppo. Tuttavia, i segni lasciati dal filo non sono più visibili dopo circa 2 anni.

Le radici di un bonsai di melo sono spesse e carnose. La crescita delle radici è intensa e il rinvaso dovrebbe essere effettuato tagliando in maniera drastica le radici, altrimenti il vaso bonsai si riempirà rapidamente di radici. Gli alberi di melo tollerano bene il taglio delle radici.

Si può applicare lo sfagno ai meli per migliorare le radici superficiali (Nebari). Le nuove radici si formano rapidamente, spesso dopo 2 mesi. Sfortunatamente, succede spesso che sulle nuove radici si formano ispessimenti bulbosi. Questi possono essere troncati o tagliati. Maggiore è la temperatura del suolo durante l’applicazione dello sfagno, più ordinatamente si formeranno le radici.

Varietà, Sottospecie di Melo

L’essenza Malus presenta circa 50 specie e molte centinaia, se non un migliaio, di varietà. Alcune di queste specie e varietà sono molto adatte alla coltivazione a bonsai per via dei fiori e dei piccoli frutti. Eccone degli esempi:

Specie di melo:

  • Malus baccata: melo di granchio siberiano, melo selvatico siberiano o melo da bacca. Non molto diffuso come bonsai ma ottimo per i piccoli frutti gialli
  • Malus halliana: anni fa era possibile reperirlo più facilmente nei negozi per bonsai. Originario della Cina e del Giappone
  • Malus floribunda: melo di corallo, melo giapponese. Come suggerisce il nome, viene dal Giappone. Varietà: Hillieri - pieni per metà, fiori rossi e frutti rossi
  • Malus toringo: melo di montagna giapponese, giallo, piccoli frutti, fiori da bianchi a rosa
  • Malus sylvestris: melo di granchio, melo selvatico. Una delle specie da cui è emersa la cultura della mela. Frutti un po' più grandi. Da acquistare nei vivai specializzati come piante giovani

Varietà di melo:

  • Malus Eleyi: fiori, frutti e foglie rossi.
  • Malus Crimson Brilliant: fiori e frutti rossi.
  • Malus Nicoline: fiori, frutti e foglie rossi.
  • Malus Liset: fiori, frutti rossi. Fogliame prima rosso, poi verde scuro.

Informazioni generali

Il genere Malus (melo) comprende circa 50 specie. Sono decidui, ovvero caducifogli e sono originari del nord Europa, dell’Asia e dell’America. La famosa mela coltivata probabilmente proviene da diverse specie di mele selvatiche.

Bonsai di Melo - Immagini

Bonsai melo ornamentali con frutti

Bonsai di Melo con frutti