Comprare Bonsai di Pino

Pino bonsai - Generale:

I pini (genere Pinus) sono conifere sempreverdi (a volte arbustive). Le oltre 90 specie sono diffuse in tutto il mondo, soprattutto nelle zone montane, spesso aride. I pini appartengono alla classica specie di Bonsai e sono molto adatti al disegno del Bonsai. Anche i pini svolgono un ruolo centrale nella progettazione dei giardini giapponesi.

Gli aghi dei pini sono disposti in gruppi da 2 a 5 aghi. I pini a 5 aghi (come il pino bianco giapponese, Pinus parviflora) di solito sembrano morbidi nell'aspetto.

Le specie di pino hanno spesso un gran numero di varietà. Per i bonsai in particolare i pini ad ago corto sono adatti. Le specie di pini con aghi lunghi e/o curvi sono più difficili da rendere credibile un Bonsai.

Pino bonsai - Specie particolarmente adatte ai bonsai:

Bonsai di pino - luce, posizione:

I pini Bonsai devono avere un luogo esterno con molta luce solare durante il periodo di crescita. Quando ricevono troppa poca luce, gli aghi diventano lunghi e i rami inferiori si indeboliscono nel tempo. In inverno, i pini bonsai possono anche stare all'esterno, purché le temperature scendano solo leggermente e solo per un breve periodo di tempo al di sotto di 0°C. Nel permafrost, il suolo ghiacciato non può più fornire acqua. In tali periodi di permafrost, la maggior parte dei pini bonsai dovrebbe essere protetta dalla disidratazione. La maggior parte dei pini (pini bianchi giapponesi, pini neri, pini d'Aleppo, pini rossi giapponesi) saranno collocati in una serra durante i periodi di permafrost in un luogo luminoso. Tuttavia, va notato che la temperatura nella serra non è troppo alta. Una ventilazione regolare è importante in un luogo di questo tipo. Per molti anni abbiamo svernato con successo i pini silvestre in un luogo ombreggiato all'aperto senza problemi. Al sole, essi verrebbero danneggiati dalla disidratazione durante il permafrost. Non ci sono stati problemi all'ombra.

Bonsai di pino - fecondazione:

Durante il periodo di crescita da marzo a settembre, è possibile concimare Bonsai di pini con i soliti fertilizzanti bonsai come il Biogold o l'Hanagokoro. È sufficiente spingere i pellet nel terreno o posizionarli sul terreno (quindi coprirli con cestelli di fertilizzante). Dopo circa 1-2 mesi i pellet sono per lo più esauriti (questo dipende dalla temperatura e dall'irrigazione) e vengono sostituiti da nuovi pellet.

Pino bonsai - Rinvaso:

La frequenza del rinvaso dipende dallo sviluppo delle radici. A differenza degli alberi decidui, la crescita delle radici della maggior parte delle conifere è piuttosto debole. Ecco perche' non devono essere rinvasati cosi' spesso. Tutti i 4-5 anni con bonsai di pino più vecchio è normale, con alberi più giovani forse più frequenti. È meglio sollevare con cautela il bonsai dal suo vaso e controllare se il terreno del bonsai è fortemente radicato. Se sì, rinvasare. Se lo sviluppo della radice è debole, viene premuta di nuovo con attenzione nel vaso e si può aspettare 1-2 anni prima di rinvasare. Come substrato per i pini bonsai si dovrebbe usare un terreno bonsai, che non si decompone così velocemente. Qui il terreno di bonsai Kiryu dal Giappone ha dato prova di sé.

Pino bonsai - Filatura:

I bonsai di pino hanno un legno molto morbido. Il vantaggio di questo è che i rami ancora più forti possono ancora essere piegati bene per essere portati in una nuova forma. Lo svantaggio è che il filo deve rimanere a lungo sul bonsai, altrimenti i rami si piegheranno indietro. Se il filo viene premuto nel ramo dopo mesi deve essere rimosso. In molti casi deve essere ligature di nuovo. Se possibile, in luoghi che non sono stati precedentemente cablati.

Pino bonsai - Irrigazione:

La balla radici di pini Bonsai non deve asciugarsi eccessivamente ma anche non deve essere tenuta troppo bagnata. L'irrigazione regolare in piccole quantità con un buon drenaggio del terreno è ottimale.

Pino bonsai - Immagini di importazione Giappone:

Importiamo dal Giappone il bonsai di pino bianco giapponese offerto nel nostro negozio. L'offerta in Giappone è schiacciante. Per poter offrire il prodotto migliore, ogni autunno selezioniamo personalmente il Bonsai nei vari vivai giapponesi di esportazione. Vengono poi spediti in container a Germania e di solito ci raggiungono entro la metà di febbraio.

I pini bonsai devono poi essere messi in quarantena per diversi mesi per prevenire l'introduzione di malattie e parassiti delle piante. Durante questo periodo vengono esaminati mensilmente dal dipartimento tedesco per la protezione dei vegetali.

Di seguito abbiamo caricato alcune immagini dell'offerta da Giappone e lo scarico di un container.

Pino bonsai - Importazione Giappone - Pino bianco giapponese

Pino bonsai - Importazione Giappone - Pino bianco giapponese

Pino bonsai - Importazione Giappone - Pino bianco giapponese

Pino bonsai - Importazione Giappone - Contenitore di scarico