Bonsai di azalea

I bonsai di azalea Satsuki (Rhododendron indicum) dal Giappone sono ideali per la progettazione di bonsai, in particolare per i bonsai da fiore decorativi. Questi bonsai con i loro fiori rigogliosi e le innumerevoli varietà sono in maggio-giugno il fulcro di ogni collezione. Le azalee Satsuki hanno spesso tronchi molto robusti. Le foglie molto piccole si adattano bene anche a un albero bonsai. La cura dei bonsai delle azalea Satsuki è facile.

Comprare bonsai di azalea

Importiamo le nostre azalea Satsuki direttamente dal produttore in Giappone. Qui puoi acquistare il tuo bonsai di azalea. Dopo aver ordinato nei giorni feriali fino alle 14:00, gli alberi verranno spediti in tutta Europa lo stesso giorno. Riceverai esattamente l'azalea Satsuki che hai selezionato nel negozio. Imballato in modo sicuro.

Sfortunatamente, al momento non ci sono articoli nel negozio online in questo gruppo di prodotti.

Brevi consigli per la cura

Filatura: I rami dei bonsai di azalea sono molto fragili e si rompono facilmente. Pertanto, prestate attenzione quando applicate il filo per bonsai e soprattutto quando piegate e modellate i rami.

Concimazione: Concimate da marzo a settembre con concime per bonsai di azalee

Annaffiatura: Non tenete il terreno troppo asciutto. I bonsai di azalea necessitano di un substrato uniformemente umido.

Potatura: Le azalee tollerano molto bene la potatura. Anche dopo potature drastiche con forbici da bonsai affilate, spuntano ovunque nuovi germogli. Se si desiderano molti fiori di azalea in primavera, non dovreste effettuare la potatura troppo tardi l'anno precedente. I germogli più forti vengono rimossi con pinze concave per bonsai. Il mastice cicatrizzante può essere applicato a tagli più grandi al fine di aiutare la guarigione della ferita.

Rinvaso: All'inizio di marzo, rinvasare in un terreno per bonsai ben drenante e acido (preferibilmente substrato per bonsai Kanuma) con una drastica potatura delle radici.

Svernamento: In quanto bonsai da esterno resistente, le azalea Satsuki tollerano le temperature più basse vicine allo 0°C in una serra fredda.

Link utili